Scienzaonline - Ultimi Articoli

Mini stomaci ricreati in laboratorio per studiare le infezioni da Covid nei bambini

Mini stomaci ricreati in laboratorio per studiare le infezioni da Covid nei bambini

26 Novembre 2021

Pubblicato su «Nature Communications» lo studio SARS-CoV-2 infection and replication...

Oceano artico: sempre più caldo dall’inizio dello scorso secolo

Oceano artico: sempre più caldo dall’inizio dello scorso secolo

26 Novembre 2021

Un team di ricerca internazionale guidato dall’Istituto di scienze polari...

Dai laboratori IFOM e UNIMI: il metabolismo degli aminoacidi influenza la risposta dell’organismo alla chemioterapia

Dai laboratori IFOM e UNIMI: il metabolismo degli aminoacidi influenza la risposta dell’organismo alla chemioterapia

24 Novembre 2021

Operare sul metabolismo degli aminoacidi per interferire con la stabilità...

Nuove prospettive per la riabilitazione robotica:  i dispositivi robotici che interagiscono con l'utente

Nuove prospettive per la riabilitazione robotica: i dispositivi robotici che interagiscono con l'utente

24 Novembre 2021

I robot per la riabilitazione delle patologie neurologiche e quelli...

I mammiferi invasivi minacciano la biodiversità nel Vecchio Continente

I mammiferi invasivi minacciano la biodiversità nel Vecchio Continente

24 Novembre 2021

Grido d’allarme dei ricercatori internazionali sulla crescente presenza in Europa...

Un anticorpo monoclonale contrasta le disfunzioni immunitarie del Long COVID

Un anticorpo monoclonale contrasta le disfunzioni immunitarie del Long COVID

22 Novembre 2021

Lo studio dei ricercatori del Centro di Ricerca Pediatrica Romeo...

Dai diamanti nasce il metano?

Dai diamanti nasce il metano?

22 Novembre 2021

Ricreando in laboratorio livelli di pressione e temperatura simili a...

Venerdì, 22 Ottobre 2021

 

La simulazione quantistica permette di affrontare problemi complessi inaccessibili al calcolo numerico. Un esempio è mostrato da un lavoro svolto dall’Istituto nazionale di ottica del Cnr e del Lens di Firenze, insieme a Cnr-Iom e Università di Trieste e di Bologna, pubblicato su Advanced Quantum Technologies. Il progetto punta a migliorare le performance dei laser a cascata quantica per nuove applicazioni, dalla diagnostica medica al monitoraggio ambientale.


Rivoluzionare l’utilizzo dei laser, rendendoli componenti chiave delle tecnologie quantistiche: dalla sensoristica alla comunicazione, fino al calcolo. Trasportare la corrente di elettroni grazie alla simulazione quantistica. Ridisegnare le proprietà quantistiche di laser a semiconduttore con gli atomi ultrafreddi. Questi i complessi quanto avvincenti obiettivi di un grande progetto finanziato dalla European Flagship on Quantum Technologies, QOMBS, e coordinato dall’Istituto nazionale di ottica del Consiglio nazionale delle ricerche. Ricercatori del Cnr-Ino e del Laboratorio europeo di spettroscopia non lineare (Lens) di Firenze, insieme a colleghi dell’Istituto officina dei materiali (Cnr-Iom) e delle Università di Trieste e di Bologna, hanno pubblicato sulla rivista Advanced Quantum Technologies un lavoro che per la prima volta descrive il modello fisico per raggiungere tale obiettivo.

Pubblicato in Fisica

Una ricerca del team dell’Università di Trieste pubblicata sulla rivista scientifica Scientific Reports ha studiato gli effetti delle varianti circolanti di SARS-CoV-2 sull’interazione con degli anticorpi monoclonali utilizzati in terapia. Attraverso l’uso di tecniche di simulazione molecolare sono stati identificati i residui aminoacidici del virus che, una volta mutati, possono causare una drastica diminuzione dell’efficacia terapeutica di questi agenti.

Possibili applicazioni nella previsione dell’efficacia e nello sviluppo di nuove terapie antivirali.

Uno studio di un gruppo di ricercatori dell’Università di Trieste pubblicato sulla rivista Scientific Reports (Springer Nature) ha utilizzato un approccio computazionale per prevedere gli effetti delle varianti di SARS-CoV-2 sull’efficacia terapeutica di due anticorpi monoclonali, bamlanivimab e etesevimab. Gli anticorpi monoclonali sono derivati, tramite particolari procedure di laboratorio, da molecole che il nostro organismo produce naturalmente in risposta ad un’infezione o dopo la somministrazione di un vaccino. I due anticorpi somministrati insieme sono autorizzati dallo scorso febbraio per il trattamento di COVID-19 da lieve a moderato, sia negli Stati Uniti che in Europa.

Pubblicato in Medicina

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery