Scienzaonline - Ultimi Articoli

L’interruttore ottico più sottile mai realizzato

L’interruttore ottico più sottile mai realizzato

20 Settembre 2021

Politecnico di Milano partner dello studio pubblicato su Nature Photonics.I...

IL DELTA DEL MEKONG SPROFONDA

IL DELTA DEL MEKONG SPROFONDA

20 Settembre 2021

Pubblicata sulla rivista scientifica statunitense «PNAS» la ricerca Strategic basin...

UniTo sfata i pregiudizi sui microrganismi: perchè virus, batteri, lieviti, funghi e microalghe sono il futuro del nostro pianeta

UniTo sfata i pregiudizi sui microrganismi: perchè virus, batteri, lieviti, funghi e microalghe sono il futuro del nostro pianeta

17 Settembre 2021

In occasione della Giornata Internazionale dei Microrganismi, l’Università di Torino...

21 mesi di pandemia: come è cambiato il virus?

21 mesi di pandemia: come è cambiato il virus?

17 Settembre 2021

Una ricerca dell’IRCCS Eugenio Medea e dell’Università degli Studi di...

Un integratore per la distrofia miotonica

Un integratore per la distrofia miotonica

17 Settembre 2021

Un team internazionale di ricercatori coordinato da Sapienza, in collaborazione...

Ciclo sonno-veglia: a regolarlo anche le cellule immunitarie

Ciclo sonno-veglia: a regolarlo anche le cellule immunitarie

17 Settembre 2021

Un team internazionale di ricercatori coordinati dal Dipartimento di Fisiologia...

Una possibile chiave per contrastare il declino cognitivo

Una possibile chiave per contrastare il declino cognitivo

17 Settembre 2021

È la molecola infiammatoria CCL11, la cui riduzione accresce i...

Giovedì, 24 Agosto 2017

Il team internazionale guidato dai ricercatori dell’Igb-Cnr ha svelato l’importanza di questi metaboliti nel destino delle cellule staminali embrionali. La scoperta, pubblicata su Stem Cell Reports può portare a risvolti applicativi importanti in campo oncologico e nella medicina rigenerativa.

Vitamine e aminoacidi ricoprono un ruolo fondamentale nelle alterazioni epigenetiche, ossia nei meccanismi cellulari coinvolti nello sviluppo di malattie come il cancro. La scoperta, che promette risvolti applicativi in campo oncologico, arriva da un team internazionale coordinato dall’Istituto di genetica e biofisica 'A. Buzzati-Traverso' del Consiglio nazionale delle ricerche (Igb-Cnr) di Napoli, che ha coinvolto gli Istituti Cnr di chimica biomolecolare (Icb-Cnr) e di applicazioni del calcolo (Iac-Cnr), la Radboud University, Nijmegen (Olanda) e University of California, San Francisco (Usa). Lo studio è pubblicato sulla rivista Stem Cell Reports. “Abbiamo scoperto con sorpresa che nelle cellule staminali un ruolo chiave è svolto da due insospettabili attori denominati 'metaboliti' (molecole molto piccole indispensabili per la vita della cellula) che corrispondono alla Vitamina C e all’aminoacido L-Prolina”, spiega Gabriella Minchiotti, tra gli autori dello studio e ricercatrice Igb-Cnr. “Abbiamo dimostrato che le cellule staminali embrionali pluripotenti (ossia cellule staminali presenti nei primissimi stadi dello sviluppo), se trattate con Vitamina C acquisiscono uno stato più immaturo (primitivo), mentre se trattate con l’aminoacido L-Prolina danno luogo alla formazione di una cellula embrionale più matura (stato cosiddetto primed). Quindi Vitamina C e L-Prolina agiscono in maniera del tutto opposta sulle cellule staminali embrionali, determinando delle modifiche al DNA che non ne alterano la sequenza bensì il modo in cui viene letto e quindi la sua attività”.

Pubblicato in Medicina

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery