Scienceonline - Last News

Coffee and the Effects of Climate Change

Coffee and the Effects of Climate Change

27 Ottobre 2021

A collaborative study looks at how changing climate conditions might...

Oldest footprints of pre-humans identified in Crete

Oldest footprints of pre-humans identified in Crete

11 Ottobre 2021

The oldest known footprints of pre-humans were found on the...

Reducing salt in bread without sacrificing taste

Reducing salt in bread without sacrificing taste

29 Settembre 2021

Most people in the U.S. consume too much salt; adult...

Sequencing multiple RNA base modifications simultaneously: a new era of RNA biology

Sequencing multiple RNA base modifications simultaneously: a new era of RNA biology

29 Settembre 2021

Researchers from Osaka University have been able to simultaneously detect...

The indigenous population of ancient Sicily were active traders

The indigenous population of ancient Sicily were active traders

29 Settembre 2021

Il Monte Polizzo - Photo J.L.Berry How should we relate...

Antidepressants Inhibit Cancer Growth in Mice

Antidepressants Inhibit Cancer Growth in Mice

28 Settembre 2021

Classic antidepressants could help improve modern cancer treatments. They slowed...

A 100% French nasal vaccine against COVID-19 yields positive pre-clinical results

A 100% French nasal vaccine against COVID-19 yields positive pre-clinical results

20 Settembre 2021

In contrast to intramuscular vaccines, only nasal vaccines are able...

Media beautifies the image of coronavirus

Media beautifies the image of coronavirus

15 Settembre 2021

According to a study by the Instituto de Radio Televisión...

Lunedì, 22 Marzo 2021



New approach to treating Parkinson’s disease: Research team at the University of Konstanz demonstrates the role the protein FAT10 may play in the development of the disease

Parkinson’s disease is the second most common, age-related, neurodegenerative disease: In Germany alone, about 300,000 people are affected and experience sometimes major limitations to their quality of life. Although Parkinson’s is so widespread, there is still no treatment that targets the cause of the disease and can stop it in its tracks.

However, current research provides new hope: A research team at the University of Konstanz led by Professor Marcus Groettrup describes a new approach for developing future treatments for Parkinson’s. The biologists demonstrated that the ubiquitin-like protein FAT10 inhibits the molecular defence mechanisms protecting the brain from Parkinson’s disease. The biological mechanism is tricky: FAT10 causes processes in our own body that degrade the body’s molecular “guardians” against Parkinson’s disease (the enzyme Parkin). Instead of getting rid of damaged mitochondria in brain cells, Parkin is itself disposed of by the body. The research results were published in the scientific journal Cell Reports on 16 March 2021.

Pubblicato in Scienceonline
Lunedì, 22 Marzo 2021 11:15

Have vaccine passport, will travel



Vaccine passports raise questions of equity, security, privacy, argues Crispin Maslog.

China, where the COVID-19 pandemic began a long year ago, has now become the first country in the world to issue a vaccine passport to promote world economic recovery and facilitate cross-border travel. China’s foreign ministry has said the international health certificate is currently available only to its citizens. It is in digital and paper form. It comes just a week after the first anniversary of the date that the WHO declared COVID-19 as a pandemic on 11 March 2020. (1)

South-East Asian countries are also considering a common vaccine certificate to jump-start regional travel and have discussed the idea of relaxing border restrictions for travellers who have been vaccinated. Entry into China will be easier for foreigners inoculated with Chinese-made coronavirus vaccines. Chinese embassies, including those in India, the Philippines, the UK and US, have issued notices requiring immunisation with a Chinese-made COVID-19 vaccine.

A similar idea has been proposed by the EU for movement within the bloc. Under the planned digital certificate, travellers who have received vaccines approved by the European Medicines Agency will get an automatic waiver, while it is down to Member State discretion whether to accept other vaccines.

Obstacles to vaccine passport

The whole idea of a vaccine passport might, however, be premature and discriminates against poor countries which are currently struggling to even have a coherent vaccination programme. We have to be careful that we do not jump the gun on science. There are many obstacles to overcome before we can consider even starting to implement the scheme. To begin with, not even close to half of the world’s 7.7 billion population has been vaccinated. Not even in China, with its 1.4 billion people. If indeed the virus has been put under control in China, the reason for this is the authoritarian system in that country. We still have the problem of convincing people in Europe, the US and the rest of the West to follow the protocols for dealing with the pandemic — masks, hand washing and social distancing. Vocal minorities in these countries still insist on their individual freedoms, never mind the common good. In my mind, this is a problem not only for the democratic West but also for the rest of the world.

From the economic point of view, the issuance of a vaccine passport will speed up travel and population flow and benefit vaccine production and tourism. However, others warn about the possibilities of illegal trade of vaccine passports in the market due to lack of effective international policing. Scientifically speaking, vaccine passports might not even be feasible considering the continuous emergence of new coronavirus variants raising doubts about the efficacy of vaccines. WHO has also warned against use of these ‘vaccine passports’ because of ethical considerations that coronavirus vaccines are not easily available to all on an equitable basis. The WHO added that we still don’t know how long immunity lasts from the numerous licensed COVID-19 vaccines. (2)

Invasion of privacy

There are other concerns to fuel the controversy, particularly among human rights activists, data protection advocates, and countries with limited access to vaccines. These vaccine passports will contain sensitive medical data. How long will governments be allowed to keep the information, and who are they allowed to share it with? These questions need answering.
Activists warn that rushing into these electronic passports without properly considering the equity, privacy, and security risks is a mistake. Vaccine passports would be discriminatory, increase state power over our lives, and have no place in a democratic and free society. (3)

I believe we need to vaccinate at least half of the global population before considering a vaccine passport. We are still at least two billion vaccinations away from that goal in Asia.

We should first ramp up the vaccination effort, especially among the poor nations, before we can even think about a vaccine passport.

Pubblicato in Scienceonline



In psychology, “motherese”, “parentese” or infant-directed speech (IDS) are terms used to describe the way parents talk to their babies. This way of talking to young children has been the subject of multiple studies and it is known to have numerous benefits—fostering relationships and stimulating certain learning processes. This language, characterised by the use of a high-pitched voice, the repetition of words and a wide pitch range, also has a positive emotional component. Some animals are receptive to this way of speaking, which is known as pet-directed speech or PDS. In the case of primates and dogs, for example, humans are able to better catch and hold their attention when using PDS, and the animals often perform better while learning. As for horses, numerous studies have shown that they are very sensitive to human emotions. The INRAE and IFCE team had already demonstrated that they are capable of recognising expressions of human faces on photographs—acting nervously when faced with an angry expression and more relaxed when faced with a happy face. Still, PDS had never been studied in horses. A preliminary survey of 845 riders and horse owners on social media shows that 93% of them regularly talk to their horses using this type of language, but only 44% think that the animals are sensitive to it.

Pubblicato in Scienceonline

Nanoparticella: Schema dell'esperimento: impulsi di luce visibile (blu) eccitano una nanoparticella di argento; il trasferimento di elettroni all'ossido circostante è studiato tramite impulsi di raggi X, ultra-brevi ed intensi (giallo) generati dal laser a elettroni liberi (immagine di Stefano Pelli Cresi).

 


Uno studio condotto da Cnr, Università di Modena e Reggio Emilia, Università di Bologna e Elettra Sincrotrone Trieste ha chiarito i meccanismi ultraveloci di trasferimento di energia all'interno di materiali per la fotocatalisi. I risultati, pubblicati su Nano Letters, aiuteranno a sviluppare nuovi catalizzatori per applicazioni in ambito ambientale ed energetico


Nelle tecnologie verdi sono fondamentali i fotocatalizzatori, materiali che usano la luce solare per stimolare reazioni chimiche importanti per l’ambiente. I processi fisici alla base del loro funzionamento non sono ancora del tutto compresi. Ora una collaborazione tra l’Istituto nanoscienze (Cnr-Nano) e l’Istituto di struttura della materia (Cnr-Ism) del Consiglio nazionale delle ricerche, l’Università di Modena e Reggio Emilia, l’Università di Bologna ed Elettra Sincrotrone Trieste chiarisce i meccanismi ultraveloci di trasferimento di energia che avvengono in materiali fotocatalizzatori ibridi. I risultati ottenuti contribuiranno a migliorare l'efficienza di nuovi materiali per la fotocatalisi applicati all’energia e all'ambiente. Lo studio è pubblicato sulla rivista Nano Letters.

Pubblicato in Tecnologia


Un nuovo studio Sapienza, frutto della collaborazione tra due gruppi sperimentali del Dipartimento di Fisica, dimostra come, attraverso l’impiego di un nuovo tipo di emettitori di fotoni, i quantum dots, sia possibile garantire un ulteriore livello di sicurezza per i dati trasmessi in un canale di comunicazione, sia che si tratti di una conversazione telefonica che una transazione bancaria. La ricerca, pubblicata su Science Advances, ha previsto lo sviluppo sperimentale del primo canale di comunicazione quantistica tra due edifici all’interno del campus Sapienza
Comunicare a distanza è diventata la regola nella vita di tutti i giorni sia per contattare privatamente amici o conoscenti, che per inviare dati sensibili, come ad esempio nelle transazioni bancarie.

Diventa quindi di fondamentale importanza creare un apparato di protezione che renda sicuro lo scambio di dati, salvaguardandoli da potenziali intrusi. Infatti gli attuali mezzi di comunicazione sono intrinsecamente vulnerabili e il loro livello di sicurezza dipende esclusivamente dalle capacità tecnologiche dell’intruso.

Pubblicato in Fisica



Università degli studi di Trieste e Burlo Garofolo hanno partecipato al più grande studio genetico realizzato fino a oggi: analizzando il genoma di quasi 193.000 individui europei e 1600 asiatici, sono stati scoperti 50 nuovi geni che influenzano il colore degli occhi.

Un team internazionale di ricercatori, rappresentato in Italia da alcuni professionisti dell’Irccs Materno Infantile “Burlo Garofolo” e dell’Università degli studi di Trieste, ha scoperto 50 nuovi geni che determinano il colore degli occhi, in tutte le sue sfumature. Questo è quanto emerso da uno studio recentemente pubblicato sulla rivista “Science Advances” (https://doi.org/10.1126/sciadv.abd1239) che spiega come l’analisi del genoma di 192.986 individui europei provenienti da dieci popolazioni differenti, abbia permesso di identificare 61 diverse regioni genomiche, di cui 50 fino a ora sconosciute, che contribuiscono alla determinazione del colore degli occhi. Questo studio, grazie anche all’elevatissima numerosità campionaria che ne aumenta la solidità statistica, ha contribuito a superare definitivamente il pensiero “Mendeliano”, nonché precedenti studi, che ritenevano che la variazione del colore degli occhi fosse determinata da uno solo o da pochi geni che rendevano il colore marrone degli occhi “dominante” su quello azzurro.

Pubblicato in Genetica


Nella Giornata mondiale dell'acqua parte l’iniziativa LiberiAmo i fiumi promossa da WWF, Federazione Italiana Canoa e Kayak e Spinning Club Italia.

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua prende il via una nuova iniziativa - LiberiAmo i fiumi – promossa dal WWF Italia, la Federazione Italiana Canoa Kayak e lo Spinning Club Italia: l’obiettivo è quello di diffondere la cultura dei fiumi ‘liberi’ attraverso la creazione di una COMMUNITY interessata e informata, capace di aggregare reti tematiche, circoli, gruppi sportivi, cittadini e appassionati che vivono e amano il proprio fiume. L’iniziativa è inserita nell’ambito della Campagna ReNature di WWF promossa per rigenerare la natura italiana entro 10 anni con progetti concreti anche di rigenerazione e di recupero di ampi tratti fluviali. L’urgenza è dettata dal fatto che solo il 40% dei fiumi italiani è in buono stato ecologico.

Pubblicato in Ambiente

 

Un team internazionale di ricercatori, tra cui l’Università degli Studi Roma Tre, ha permesso di comprendere meglio i meccanismi alla base della sindrome dell'X-fragile, una malattia rara caratterizzata da disabilità intellettiva e autismo. Lo studio, da poco pubblicato sulla prestigiosa rivista Nature Communications, ha individuato cambiamenti strutturali a livello delle sinapsi, deputate alla comunicazione tra i neuroni, causati da mutazioni del gene FMR1, tra cui nella sequenza R138Q.

La formazione di sinapsi funzionali nel cervello è fondamentale per stabilire una comunicazione e una plasticità neuronali efficienti, che sono alla base dei processi cognitivi e sociali. Tutto ciò non avviene nella Sindrome dell’X-fragile, dove si riscontrano cambiamenti strutturali a livello delle sinapsi, deputate alla comunicazione tra i neuroni, causati da mutazioni del gene FMR1, tra cui quella nella sequenza R138Q. Sono questi i risultati di una ricerca che ha visto il coinvolgimento di un ampio network di ricercatori italiani e francesi: il gruppo di ricerca della prof.ssa Viviana Trezza del Dipartimento di Scienze dell'Università degli Studi Roma Tre (Italia); i gruppi di ricerca del dr. Stéphane Martin e della dott.ssa Barbara Bardoni dell'Institute of Molecular and Cellular Pharmacology IPMC - Université Côte d'Azur/CNRS (Francia); il gruppo della prof.ssa Maura Francolini del Dipartimento di Biotecnologie Mediche e Medicina traslazionale dell’Università di Milano e il gruppo del dr. Yann Humeau dell’Università di Bordeaux.

Pubblicato in Medicina


Studio padovano suggerisce come per prevenire disturbi cognitivi in età scolare siautile stimolare l’emisfero destro nei bambini prematuri fin dai primi mesi di vita.


Nel cervello, le asimmetrie sono la regola più che l’eccezione. Nonostante questo, il processo di specializzazione in un emisfero cerebrale (la cosiddetta “lateralizzazione”) è ancora poco compreso.
Le asimmetrie anatomo-strutturali spiegano solo una piccola parte della variabilità funzionale della lateralizzazione, da cui sembrano differenziarsi per epoca e caratteristiche di sviluppo.
Lo studio Structural and functional brain asymmetries in the early phases of life: a scoping review pubblicato sulla prestigiosa rivista «Brain Structure and function» e condotto dalla prof. ssa Patrizia Bisiacchi e dalla dr.ssa Elisa Cainelli del Dipartimento di Psicologia Generale dell’Università di Padova, mette in evidenza come nei neonati sia l’emisfero destro quello maggiormente deputato alle attività cognitive.
«Nel nostro lavoro abbiamo dimostrato come i bambini nati prematuri, che possono presentare un rischio maggiore di sviluppare difficoltà di apprendimento, possono trarre benefici stimolando le attività cognitive dell’emisfero destro che li aiutino fin nei primi mesi di vita a riconoscere stimoli acustici e visivi – dice la prof.ssa Bisiacchi -.

Pubblicato in Medicina

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery