Scienzaonline - Ultimi Articoli

Alla ricerca di Zippalanda, la città santa ittita consacrata al Dio della Tempesta

Alla ricerca di Zippalanda, la città santa ittita consacrata al Dio della Tempesta

04 Dicembre 2020

I risultati dell’ultima campagna di scavo nel sito di Uşaklı...

Nuova luce sulla divisione cellulare nei tumori

Nuova luce sulla divisione cellulare nei tumori

04 Dicembre 2020

Figura: orientamento del fuso mitotico in una cellula normale o...

Dai denti dell'Uomo di Altamura nuove informazioni sui Neanderthal

04 Dicembre 2020

Una ricerca che ha visto la collaborazione della Sapienza e...

SARS-CoV-2, come prevenire il contagio indoor

SARS-CoV-2, come prevenire il contagio indoor

02 Dicembre 2020

Mantenere il giusto grado di umidità e un adeguato ricambio...

Con il clima che cambia gravi i rischi per la salute e la sicurezza umana

Con il clima che cambia gravi i rischi per la salute e la sicurezza umana

02 Dicembre 2020

Mentre il mondo affronta la seconda ondata di COVID-19, che...

Microscopi di nuova generazione: il progetto CRIMSON rivoluzionerà lo studio dell'origine cellulare delle malattie

Microscopi di nuova generazione: il progetto CRIMSON rivoluzionerà lo studio dell'origine cellulare delle malattie

01 Dicembre 2020

Coordinato dal Politecnico di Milano, il progetto è finanziato dall’Unione...

Abruzzo, appello delle associazioni per il Parco Sirente Velino

Abruzzo, appello delle associazioni per il Parco Sirente Velino

01 Dicembre 2020

Le Associazioni chiedono che le proprie istanze al Consiglio vengano...

Venerdì, 05 Giugno 2020

 

Antibiotic resistance surveillance in the Philippines has moved into the genomic era, enabling better tracking of dangerous bacteria. Researchers at the Centre for Genomic Pathogen Surveillance (CGPS housed at the Wellcome Sanger Institute and The Big Data Institute (BDI), University of Oxford), and the Philippine Research Institute for Tropical Medicine (RITM), set up local DNA sequencing and analysis of drug resistant bacteria in the Philippines. This genomic capacity has enhanced ongoing national infection control including tracking the spread of resistance to last-line antibiotics and identifying drug resistant infections in a hospital baby unit, helping control the outbreak.

Reported in Nature Communications this week, this study shows the power of local genomic sequencing within national surveillance networks in low- and middle-income countries, and could be extended to other locations to tackle the global challenge of antimicrobial resistance.

Pubblicato in Scienceonline

 

In occasione della Giornata Mondiale degli Oceani 2020,
OGS presenta i risultati di un’indagine nazionale
sulle conoscenze e le valutazioni dell’opinione pubblica,
realizzata insieme a SWG


Quali sono le conoscenze e le valutazioni degli italiani sul mare e la tutela dell’ambiente? Quanto l’opinione pubblica conosce questi temi e la ricerca che in Italia viene sviluppata su di essi? C’è consapevolezza su programmi e progetti Europei in merito? Come si coniuga la salvaguardia del mare, delle acque e dell’ambiente in generale con lo sviluppo economico e con l’emergenza Covid-19?

Queste sono alcune delle domande al centro dell’indagine nazionale “GLI ITALIANI E LA TUTELA DEL MARE E DELL’AMBIENTE” promossa dall’Istituto nazionale di oceanografia e di geofisica sperimentale – OGS e realizzata da SWG su un campione rappresentativo di cittadini di tutt’Italia, che sarà presentata in occasione della Giornata Mondiale degli Oceani 2020:

lunedì 8 giugno, alle ore 12 a Trieste nella sala Multimediale della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia (ingresso da via dell’Orologio)

da: Alessia Rosolen, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia; Paola Del Negro, Direttore Generale dell’OGS; Maria Cristina Pedicchio, membro del CDA di OGS e Presidente di Marevivo FVG, e da Maurizio Pessato, Vicepresidente di SWG.

La Giornata Mondiale degli Oceani, indetta dalle Nazioni Unite, si celebra ogni anno l’8 giugno, in ricorrenza dell’anniversario della Conferenza Mondiale su Ambiente e Sviluppo di Rio de Janeiro. L’appuntamento vede svolgersi eventi in tutto il mondo per far riflettere sui benefici che gli oceani sono in grado di fornire all’uomo e per sensibilizzare gli individui e la collettività sull’importanza di interagire con gli oceani in modo sostenibile, affinché siano soddisfatte le attuali esigenze, senza compromettere quelle delle generazioni future. Il tema dell’edizione 2020 è l’“Innovazione per un oceano sostenibile” ed è stato scelto per fare da apripista al decennio 2021-2030 che le Nazioni Unite dedicheranno alla “Scienza oceanica per lo sviluppo sostenibile”.

Pubblicato in Ambiente



More and more photovoltaic systems are equipped with batteries that store power produced during sunshine for later use. Such solar power storage systems enable operators to use a maximum fraction of the solar power produced for own purposes. The more efficient the storage system is, the higher is the economic profit. The “Testbench” project enhances the quality of efficiency measurements for better comparison of battery systems by planners and operators. The collaboration project funded by the Federal Ministry for Economic Affairs and Energy (BMWi) is carried out by Fraunhofer IEE, Karlsruhe Institute of Technology (KIT), VDE/DKE, and TÜV Rheinland. Associated partners are AIT, BSW, and BVES.

Photovoltaics directly converts sunlight into electrical energy and, thus, contributes to sustainable power supply. For operators of photovoltaic systems, it is worthwhile using a maximum fraction of the solar power produced for own purposes. This is achieved by applying batteries that store the power generated during sunshine until later use at times at which the photovoltaic power production is zero.

Pubblicato in Scienceonline



The increase in antibiotic resistance and the lack of new antibiotics is currently a major global health problem. Reducing the use of antibiotics appears to be one of the only solutions to preserve their effectiveness and limit the emergence of resistance. Relatively long courses of treatment remain standard, however, although they seem to be based on medical tradition rather than on sound scientific evidence. For example, in the case of bacteraemia, a common but potentially dangerous bloodstream infection, it is common practice to automatically prescribe a 14-day course of antibacterial treatment.

Physicians from the University of Geneva (UNIGE), the University Hospitals of Geneva (HUG), the University of Lausanne (UNIL), the Centre Hospitalier Universitaire Vaudois (CHUV) and the Cantonal Hospital St. Gallen, in Switzerland, wanted to test, in a multicentre study including more than 500 patients, whether a shorter treatment, which therefore would be less likely to select for resistance, was possible. Their results, published in the journal JAMA, show that a treatment duration reduced by half is equally effective. In addition, the scientists demonstrate that tailoring the antibiotic regimen to each patient’s individual characteristics and disease patterns would allow the drug dose to be reduced even further without loss of therapeutic benefit. This work leads to new recommendations aimed at promoting the rational use of antibiotics, which remain our best weapons against bacteria responsible for many diseases.

Pubblicato in Scienceonline



The Sicily Strait, an underwater relief connecting the Italian island with the Tunisian coasts, is not a geological barrier for the deep water circulation between eastern and western Mediterranean -which was always thought to be. Quite the contrary, the contribution of the eastern Mediterranean deep water flow towards the western one can reach 70%, according to a study recently published in the journal Process in Oceanography.

The new study profiles an hydrodynamic map -so far unknown- between the eastern and western basins of the Mediterranean Sea, and is led by Leopoldo Pena and Isabel Cacho, members of the Faculty of Earth Sciences and the Consolidated Research Group on Marine Geosciences of the University of Barcelona. Other co-authors of the study are the experts Ester Garcia Solsona, Eduardo Paredes and Jose Pérez Asensio (UB research group on Marine Geosciences), Lucía Quirós Collazos, from the Institute of Marine Sciences (ICM-CSIC) and Fabrizio Lirer, from the Institute of Marine Sciences (ISMAR-CNR, Italy).

Pubblicato in Scienceonline



A large study of middle-aged women shows that age-related changes in skeletal muscle are part of everyday life for women in their fifties. During this time, women transition from perimenopause to postmenopause and the production of estrogen ceases. Loss of estrogen has an effect on muscles and leads to a decline in muscle mass. Physical activity in all of its forms may help maintain muscle mass in midlife.

“We already knew that estrogen has a role in the regulation of muscle properties,” says doctoral student Hanna-Kaarina Juppi. “By following the hormonal status, measuring many aspects of muscles and by taking into consideration the simultaneous chronological aging of women going through menopausal transition, we were able to show that the decrease of muscle mass takes place already in early postmenopause.”

In the current study, muscle size was measured in the perimenopausal state and right after entering postmenopause, when menstruation had permanently stopped. Women were on average 51-and-a-half years old at the beginning of the study and 53 years old at the final measurements, so the average duration of menopausal transition was one-and-a-half years. The time it takes a woman to go through menopause is unique: in this study it varied from less than six months to more than three years. During this time, the decrease in muscle mass was on average one percent.

Pubblicato in Scienceonline

  • Report finds 47% increase of brain/stomach bleeding
  • Only take if advised by doctor: expert

 

Daily aspirin could be a killer for some, rather than a cure, according to a new study.

Research shows the risk of internal bleeding in healthy people may be greater than any potential benefit, such as preventing heart disease.
One of the report’s authors, Dr Trevor Thompson of the University of Greenwich, said: “Aspirin is good if you’ve been identified as at risk of cardiovascular problems. If not, the risks outweigh any potential benefits. Our analysis found a much-increased risk of bleeding on the brain or in the stomach, which could be fatal.”

Pubblicato in Scienceonline

 


La piattaforma partirà il 9 giugno, con programmazione quotidiana, dalle 14 alle 17. Nel palinsesto studiato per l’età 5-10 anni, 5 supereroi insegneranno sana alimentazione e lotta alla sedentarietà, tra giochi e intrattenimento. Molti i personaggi che hanno aderito fra cui Paola Cortellesi, Luca Ward e Violante Placido. Consulenza scientifica Ospedale Bambin Gesù e Società di Diabetologia.

Un porto sicuro nel mare del web e un tempo di qualità. Ecco cosa serve ai bambini in tempo di Covid-19. La scuola, ciò che ne era rimasto, non sappiamo ancora con quali modalità riprenderà a settembre. Per i bambini esposti a rischio di iperconnessione, che navigano sul web spesso senza rete, nasce Dammi il 5, la prima Web Tv che da martedì 9 giugno, primo giorno di vacanza in molte Regioni, con il taglio leggero dell’intrattenimento, introdurrà nella vita dei più piccoli il tema dei corretti stili di vita. Protagonisti i cinque colori della salute che prenderanno la forma di altrettanti supereroi, i Di5, ciascuno con il suo potere del benessere”.

Pubblicato in Eventi


L’uso di nanoparticelle reattive per la bonifica di falde contaminate – detta nanoremediation - è una tecnica di bonifica all’avanguardia, che prevede l’iniezione del nanomateriale, in forma di sospensione acquosa, direttamente nella zona contaminata da trattare per eliminare solventi e altri agenti contaminanti.

L’osservazione alla scala microscopica delle interazioni tra nanomateriali e solventi alla sorgente di contaminazione è al centro di un articolo pubblicato sulla rivista scientifica americana Proceedings of the National Academy of Sciences, organo ufficiale della United States National Academy of Sciences, frutto della collaborazione tra Teesside University (Regno Unito), Universidade Federal do Paraná (Brasile), Brazilian Center for Research in Energy and Materials (Brasile) e Politecnico di Torino. Per l’Ateneo ha contribuito allo studio la professoressa Tiziana Tosco, docentedel Dipartimento di Ingegneria dell’Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture nel gruppo di ricerca di Ingegneria degli Acquiferi (www.polito.it/groundwater), che svolge da anni attività di ricerca e trasferimento tecnologico nel campo della nanoremediation.

Pubblicato in Tecnologia


Una scoperta tutta italiana, e più precisamente fatta da ricercatori dell’Università di Milano-Bicocca permette di fare un importante progresso nelle nostre conoscenze su COVID-19. Il lavoro è stato accettato il 26 Maggio dalla rivista Americal Journal of Hematology ed è già disponibile sul sito della rivista (DOI: https://doi.org/10.1002/ajh.25882).

«Sapevamo che l’infezione con COVID-19 determina una grande propensione a sviluppare trombosi venose e arteriose anche mortali in una percentuale di pazienti che arriva fino al 50% - afferma Carlo Gambacorti-Passerini, professore di Ematologia e direttore della Clinica Ematologica dell’Università, sita presso l’Ospedale San Gerardo di Monza -Rimaneva però ignoto cosa causasse questo fenomeno».I ricercatori si sono concentrati su un marcatore chiamato sFlt1, prodotto quasi esclusivamente dalle cellule endoteliali, quelle cioè che tappezzano la superficie interna dei vasi e che hanno il compito di evitare l’innesco della coagulazione. I valori di sFlt1 e in particolare il rapporto tra sFlt1 e PlGF (un fattore di crescita per le cellule endoteliali) si innalzano fino a 5 volte durante il ricovero dei pazienti.

Pubblicato in Medicina
Pagina 1 di 2

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery