Scienzaonline - Ultimi Articoli

Microscopi di nuova generazione: il progetto CRIMSON rivoluzionerà lo studio dell'origine cellulare delle malattie

Microscopi di nuova generazione: il progetto CRIMSON rivoluzionerà lo studio dell'origine cellulare delle malattie

01 Dicembre 2020

Coordinato dal Politecnico di Milano, il progetto è finanziato dall’Unione...

Abruzzo, appello delle associazioni per il Parco Sirente Velino

Abruzzo, appello delle associazioni per il Parco Sirente Velino

01 Dicembre 2020

Le Associazioni chiedono che le proprie istanze al Consiglio vengano...

Ecco i nanomateriali "termici" che si programmano con la luce

Ecco i nanomateriali "termici" che si programmano con la luce

01 Dicembre 2020

Messi a punto da ricercatori dell'Università di Pisa e dell'Istituto...

Saipem e Cnr: collaborazione per studi sulle fondazioni eoliche galleggianti

Saipem e Cnr: collaborazione per studi sulle fondazioni eoliche galleggianti

30 Novembre 2020

Saipem e il Consiglio nazionale delle ricerche hanno siglato un...

Andy, il biologo che salva gli orsi polari

Andy, il biologo che salva gli orsi polari

27 Novembre 2020

Non ci sono giorni normali per uno ricercatore di orsi...

Scoperto il meccanismo con cui la mutazione del gene ETNK1 causa la leucemia mieloide cronica atipica

Scoperto il meccanismo con cui la mutazione del gene ETNK1 causa la leucemia mieloide cronica atipica

27 Novembre 2020

Una nuova scoperta – effettuata da un team italiano coordinato...

La chimica di base dell'elettrolisi dell'acqua

La chimica di base dell'elettrolisi dell'acqua

27 Novembre 2020

Il passaggio a un’economia basata su fonti di energia rinnovabile...

Lunedì, 26 Ottobre 2020
Lunedì, 26 Ottobre 2020 13:07

Reti neurali viventi per la cura del cancro


Un team di ricercatori del Dipartimento di Fisica della Sapienza Università di Roma, dell’Istituto dei Sistemi Complessi del CNR e dell’Università Cattolica di Roma ha sviluppato un sistema di intelligenza artificiale che, inglobando il tumore in una rete neurale, è capace di monitorare il metabolismo e la crescita delle cellule cancerose e, in maniera del tutto non invasiva, gli effetti delle chemioterapie. I risultati del lavoro sono stati pubblicati sulla rivista Communications Physics
L’intelligenza artificiale sta cambiando non solo molti aspetti della vita quotidiana, ma anche il modo di “fare scienza”, stimolando nuovi esperimenti e suggerendo strade di ricerca finora inesplorate.

Così i sistemi di intelligenza artificiale diventano sempre più avveniristici, interdisciplinari e neuromorfici (ovvero simili ai sistemi viventi) e trovano applicazione nei più disparati settori, come l’elettronica, l’informatica, la simulazione e le diverse branche della medicina. I nuovi modelli sono sviluppati per imitare il cervello umano, sia nel funzionamento, con un consumo di energia molto ridotto per l’apprendimento, sia nella struttura, utilizzando materiali biologici.

Pubblicato in Medicina


Su Science un nuovo contributo evidenzia la necessità di un approccio multiplo per fissare obiettivi raggiungibili nel 2030 e 2050 da parte della Convenzione sulla Diversità Biologica dell’Onu. Il lavoro ha richiesto il coinvolgimento di oltre 60 ricercatori provenienti da 27 paesi, fra i quali Carlo Rondinini del Dipartimento di Biologia e biotecnologie Charles Darwin
L’allarme sulla tutela della biodiversità parte da lontano ed è stato possibile già tracciare un bilancio - purtroppo non positivo - sugli obiettivi che la Convenzione sulla Diversità Biologica dell’Onu aveva fissato per il 2020. Il mancato raggiungimento dei traguardi previsti, ha imposto alla comunità scientifica una riflessione in vista della Convenzione delle Parti prevista per maggio 2021 che avrà il compito di fissare l’Agenda per il 2030 e il 2050.

Pubblicato in Ambiente

 


Ricercatori dell’Istituto di struttura della materia del Consiglio nazionale delle ricerche, dell’Università di Milano Bicocca e dell’azienda Glass to Power hanno messo a punto un materiale a basso impatto ambientale e ad alto rendimento per la realizzazione di dispositivi fotovoltaici integrabili nelle costruzioni. I risultati della ricerca sono pubblicati su Joule – Cell Press

Il building integrated photovoltaics – fotovoltaico architettonicamente integrato – consiste nella progettazione di soluzioni innovative per integrare dispositivi di conversione dell’energia solare in energia elettrica direttamente all’interno degli edifici. Va in questa direzione lo studio di un team italiano che comprende ricercatori dell’Istituto di struttura della materia (Ism) del Consiglio nazionale delle ricerche di Milano, dell’Università di Milano Bicocca e dell’azienda Glass to Power: hanno messo a punto un materiale innovativo caratterizzato da basso impatto ambientale e alto rendimento per la realizzazione di concentratori solari a luminescenza (Lsc).

Pubblicato in Ambiente

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery