Scienceonline - Last News

Researchers capture high-frequency oscillations in the gigantic eruption of a neutron star

Researchers capture high-frequency oscillations in the gigantic eruption of a neutron star

27 Dicembre 2021

An international scientific group with outstanding Valencian participation has managed...

Antibody responses after first and second Covid-19 vaccination in patients with chronic lymphocytic leukaemia

Antibody responses after first and second Covid-19 vaccination in patients with chronic lymphocytic leukaemia

27 Dicembre 2021

B-cell chronic lymphocytic leukaemia (CLL) is associated with immunosuppression and...

An exquisitely preserved in-ovo theropod dinosaur embryo sheds light on avian-like prehatching postures

An exquisitely preserved in-ovo theropod dinosaur embryo sheds light on avian-like prehatching postures

22 Dicembre 2021

Despite the discovery of many dinosaur eggs and nests over...

Coffee and the Effects of Climate Change

Coffee and the Effects of Climate Change

27 Ottobre 2021

A collaborative study looks at how changing climate conditions might...

Oldest footprints of pre-humans identified in Crete

Oldest footprints of pre-humans identified in Crete

11 Ottobre 2021

The oldest known footprints of pre-humans were found on the...

Reducing salt in bread without sacrificing taste

Reducing salt in bread without sacrificing taste

29 Settembre 2021

Most people in the U.S. consume too much salt; adult...

Sequencing multiple RNA base modifications simultaneously: a new era of RNA biology

Sequencing multiple RNA base modifications simultaneously: a new era of RNA biology

29 Settembre 2021

Researchers from Osaka University have been able to simultaneously detect...

Giovedì, 04 Marzo 2021


Miscelando acqua ossigenata per uso domestico con l'acido citrico contenuto nel succo di limone si può ottenere un liquido con proprietà virucide attivo contro il coronavirus del COVID-19


L’impiego di acido citrico in formulazioni disinfettanti a base di acqua ossigenata ne esalta l’efficacia per l’inattivazione del SARS-CoV-2 presente sulle superfici. Lo studio condotto dall'Istituto di scienze e tecnologie chimiche “Giulio Natta” del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Scitec) con l’Ospedale universitario “Luigi Sacco” di Milano è stato pubblicato su ACS Chemical Health and Safety.

La lotta alla pandemia di COVID-19 vede l’impiego di massicce quantità di soluzioni disinfettanti contenenti alcol o ingredienti a base di cloro attivo, molti studi stanno però mostrando come un uso eccessivo e non responsabile di questi prodotti possa portare alla formazione di sottoprodotti potenzialmente nocivi generati dall’interazione del principio attivo disinfettante con il materiale organico presente nell’ambiente.

“Il perossido di idrogeno acquoso al 3%, che tutti conosciamo come acqua ossigenata tra i prodotti da banco in farmacia, presenta molti meno problemi in termini di produzione di sostanze pericolose indesiderate”, afferma Matteo Guidotti, ricercatore dell'Istituto di scienze e tecnologie chimiche “Giulio Natta” del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Scitec) e coordinatore della ricerca condotta in collaborazione con l’Ospedale Luigi Sacco di Milano e pubblicata sulla rivista statunitense ACS Chemical Health and Safety. “Un eventuale eccesso di acqua ossigenata si degrada rapidamente in acqua e ossigeno gassoso senza generare inquinanti ambientali di rilievo”. Questo principio attivo presenta però una scarsa attività virucida se usato tal quale, mentre con l’aggiunta di additivi semplici ed economici che modificano il pH della soluzione igienizzante per avere un ambiente moderatamente acido o basico è possibile ottenere una inattivazione efficace del virus SARS-CoV-2 in tempi brevi.

Pubblicato in Medicina

 

Fukushima, è ancora contaminato l’85% dell’Area Speciale di Decontaminazione. Greenpeace: «La tabella di marcia per lo smantellamento della centrale di Fukushima Daiichi è irrealizzabile, serve un nuovo piano»

A quasi dieci anni di distanza dall’incidente nucleare di Fukushima Daiichi, Greenpeace pubblica oggi due rapporti che evidenziano la complessa eredità del terremoto e dello tsunami dell’11 marzo 2011.

Nel primo rapporto, “Fukushima 2011-2020”, vengono descritti i livelli di radiazione nelle città di Iitate e Namie, nella prefettura di Fukushima. I risultati delle prime indagini mostrano che gli sforzi di decontaminazione sono stati limitati e che l’85% dell’Area Speciale di Decontaminazione è ancora contaminata.

Il secondo rapporto, “Decommissioning of the Fukushima Daiichi Nuclear Power Station From Plan-A to Plan-B Now, from Plan-B to Plan-C”, analizza l’attuale piano ufficiale di smantellamento in 30-40 anni. Un programma deludente e senza prospettive di successo.

Pubblicato in Ambiente

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery