Scienzaonline - Ultimi Articoli

Il WWF all'Eurovision con il dj Armin Van Buurem

Il WWF all'Eurovision con il dj Armin Van Buurem

17 Maggio 2021

 Cantanti e telespettatori di tutto il mondo sono invitati a...

Astrofisica: alla scoperta delle stelle “strane”

Astrofisica: alla scoperta delle stelle “strane”

14 Maggio 2021

Nella ricerca pubblicata su Physical Review Letters coinvolta anche l’Università...

BAMBINO GESU’: L’ALGORITMO MUSICALE CHE RIDUCE LO STRESS

BAMBINO GESU’: L’ALGORITMO MUSICALE CHE RIDUCE LO STRESS

14 Maggio 2021

È una tecnica riabilitativa sviluppata dai ricercatori dell’Ospedale Pediatrico della...

Greenpeace: In Lombardia 10 milioni di api non tornano all’alveare, una strage silenziosa

Greenpeace: In Lombardia 10 milioni di api non tornano all’alveare, una strage silenziosa

14 Maggio 2021

A una settimana dalla Giornata mondiale delle api del prossimo...

Un Guarneri in soffitta

Un Guarneri in soffitta

14 Maggio 2021

Le foto arrivate via WhatsApp. I riquadri bianchi indicano le...

Alle origini del buco nero supermassiccio della Via Lattea

Alle origini del buco nero supermassiccio della Via Lattea

14 Maggio 2021

Uno studio coordinato dal Dipartimento di Fisica della Sapienza fornisce...

Test per il coronavirus più rapidi ed economici, grazie allo screening di gruppo

Test per il coronavirus più rapidi ed economici, grazie allo screening di gruppo

13 Maggio 2021

Un gruppo di studiosi sta testando, con risultati promettenti in...

L’interazione con lo spazio che ci circonda è disegnata dentro il nostro corpo. Concetti come alto e basso Concetti come alto e basso sono ancorati alle dita delle mani. Lo rivela uno studio del dipartimento di Psicologia dell’Università di Milano-Bicocca, in collaborazione con l’Università di Reno (Nevada), appena pubblicato sulla rivista Cognition.

Milano, 14 giugno 2017 – Se sappiamo come muoverci nello spazio attorno a noi è anche grazie alla nostra mano nella quale si trova una mappa dello spazio intorno a noi, dove al pollice è associato il basso e all’indice l’alto.

Lo rivela lo studio Standard body-space relationships: fingers hold spatial information (doi: 10.1016/j.cognition.2017.05.014) appena pubblicato sulla rivista Cognition, realizzato da Daniele Romano e Angelo Maravita, rispettivamente assegnista di ricerca e docente di Psicobiologia e psicologia fisiologica nel Dipartimento di Psicologia dell’Università di Milano-Bicocca, in collaborazione con Francesco Marini, ex dottore di ricerca dell’Ateneo milanese, attualmente assegnista di ricerca (post-doc) all’Università di Reno (Nevada, Stati Uniti).

È stato firmato ieri un accordo tra l’Agenzia Spaziale Italiana e l'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA): per cinque anni ci sarà una strategia condivisa per l’osservazione della Terra. Verranno identificate le priorità in materia ambientale che possono essere affrontate attraverso l’utilizzo delle tecnologie e delle infrastrutture spaziali dell’ASI.

Lo strumento METIS che volerà a bordo della sonda Solar Orbiter ha il suo logo: proprio come il coronografo, anche il concept grafico simula l’effetto di un’eclisse di Sole. Lo ha disegnato Giovanni Simioni, vincitore del un concorso bandito dall’Agenzia Spaziale Italiana “Disegna il tuo METIS”.

Com’è il logo

METIS mette insieme le capacità di più strumenti in un unico telescopio che, oscurando il disco solare, permette di ‘vederne’ solamente la corona. Un tondo nero  dal quale spunta, sfumata, la corona solare stilizzata nei colori dell’arcobaleno fino al violetto, e dove si staglia il profilo della sonda Solar Orbiter.

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery