Scienzaonline - Ultimi Articoli

Alla base del Covid-19 grave un difetto delle cellule staminali

Alla base del Covid-19 grave un difetto delle cellule staminali

24 Gennaio 2022

Pubblicato su «Diabetes» lo studio effettuato dal Dipartimento di Medicina...

Pancreas artificiale per diabete di tipo 2: l’approccio simbolico

Pancreas artificiale per diabete di tipo 2: l’approccio simbolico

24 Gennaio 2022

Uno studio condotto dall’Istituto di analisi dei sistemi ed informatica...

Il respiro delle montagne, ricerca UniTO svela come le catene montuose emettano anidride carbonica nell'atmosfera

Il respiro delle montagne, ricerca UniTO svela come le catene montuose emettano anidride carbonica nell'atmosfera

21 Gennaio 2022

Uno studio appena pubblicato su Communications Earth & Environment, una...

COVID: la parola agli psicologi

COVID: la parola agli psicologi

21 Gennaio 2022

Il lavoro svolto dal Cnr-Irib di Messina in collaborazione con...

I segreti delle antiche tombe giapponesi svelati grazie alle immagini satellitari

I segreti delle antiche tombe giapponesi svelati grazie alle immagini satellitari

21 Gennaio 2022

Utilizzare le immagini satellitari per studiare l’orientamento di antiche tombe...

Ambiente: nuovo record nel 2020 per il riscaldamento degli oceani

Ambiente: nuovo record nel 2020 per il riscaldamento degli oceani

20 Gennaio 2022

Lo studio internazionale, al quale hanno partecipato ricercatori ENEA e...

Giovedì, 04 Novembre 2021


Pachycrocuta brevirostris, la iena gigante dal muso corto diffusa nel Vecchio Mondo durante il Pleistocene, si è estinta in Europa circa 800 mila anni fa a seguito di cambiamenti climatici e ambientali e non a causa della competizione con altre specie che si diffusero nello stesso periodo. A svelarlo un nuovo studio del Dipartimento di Scienze della Terra della Sapienza, pubblicato sulla rivista Quaternary Science Reviews.
Un super-predatore un tempo popolava Europa, Asia e Africa, la iena gigante dal muso corto Pachycrocuta brevirostris. Con un peso probabilmente superiore ai 100 chilogrammi, fu la iena più grande mai esistita. Diffusasi in Europa circa due milioni di anni fa, fu uno dei predatori più temibili che si trovarono ad affrontare le prime popolazioni di ominini avventuratesi fuori dall’Africa; sebbene il ruolo diretto delle iene come concorrenti ecologici degli ominini del Pleistocene venga spesso enfatizzato, esse erano comunque una componente unica della fauna incontrata da queste popolazioni.

Pubblicato in Ambiente

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery