Ultimi Articoli

La seconda giovinezza dei muscoli

La seconda giovinezza dei muscoli

30 Ottobre 2020

Scoperta una molecola in grado di attivare la rigenerazione delle...

Spread of a novel SARS-CoV-2 variant across Europe in summer 2020

Spread of a novel SARS-CoV-2 variant across Europe in summer 2020

30 Ottobre 2020

The new SARS-CoV-2 variant 20A.EU1 has spread widely across Europe....

Covid-19, guariti ma ancora positivi al tampone a distanza di tempo dalla guarigione, sono quasi uno su 5

Covid-19, guariti ma ancora positivi al tampone a distanza di tempo dalla guarigione, sono quasi uno su 5

28 Ottobre 2020

Ricercatori della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS e dell’Università...

Le tartarughe sono animali sociali: la scoperta utile per la loro sopravvivenza

Le tartarughe sono animali sociali: la scoperta utile per la loro sopravvivenza

28 Ottobre 2020

Anche le tartarughe sono in grado di formare gerarchie sociali...

Dal 23 ottobre ROMAISON 2020 Roma, una Maison straordinaria: archivi e produzioni dei laboratori di Costume

Dal 23 ottobre ROMAISON 2020 Roma, una Maison straordinaria: archivi e produzioni dei laboratori di Costume

28 Ottobre 2020

Roma entra nel racconto contemporaneo della Moda con il progetto...

Caccia, vittoria ambientalista anche in Sicilia

Caccia, vittoria ambientalista anche in Sicilia

28 Ottobre 2020

La Regione condannata a pagare 2.000 Euro di spese processuali...

Arriva lo zuccherometro

Arriva lo zuccherometro

27 Ottobre 2020

Durante le feste di Natale aumenta il consumo dolciumi quindi...

Africa

Africa (4)

 

Pubblicato uno studio rivoluzionario su Nature Geoscience

Ottenere cibo per 800 milioni di persone in più preservando le attuali modalità di produzione agricola, evitando grandi investimenti in nuove tecnologie e utilizzando circa il 15% di risorse idriche in meno. Un sogno? Sì, ma con delle basi solide che sono state appena pubblicate su Nature Geoscience nello studio “Increased food production and reduced water use through optimized crop distribution” (https://www.nature.com/articles/s41561-017-0004-5 ) a firma di un team composto da Columbia University, Politecnico di Milano e University of California at Berkeley. Nel prossimo futuro, a causa della crescita della popolazione e del miglioramento delle condizioni di vita, ci sarà bisogno di più cibo, fibre ed energia e, di conseguenza, di risorse naturali come terra e acqua. Le soluzioni ad oggi proposte prevedono l’intensificazione o l’estensificazione dell’agricoltura, con il risultante aumento nell’impiego di irrigazione e fertilizzazione nel primo caso e di terra nel secondo.

 

La FAO chiede sostegno urgente per i pastori delle regioni meridionali che devono fare i conti con la mancanza di piogge, dopo un disastroso El Niño

Una delle piante più diffuse del nord Africa è la Tetraclinis articulata, o ginepro articolato, meglio conosciuta come Thuya [1].  Fa parte della famiglia delle Cupressaceae ed è una conifera sempreverde endemica della regione occidentale del Meditarraneo. E' il simbolo nazionale di Malta, dove è chiamata col nome arabo Arar. Preferisce il clima caldo e asciutto e si adatta bene su tutti i tipi di terreni, da quelli marittimi fino a 1.600 metri di altitudine, l'importante è che sia esposta all'influsso del mare.

"Un piatto senza spezie è come un giardino senza fiori"
Antico proverbio di Fes

Aid-el Kebir è la più grande festa dell’Islam, che si celebra ogni anno a 70 giorni dalla fine del Ramadam e commemora il giorno in cui Dio ordinò al profeta Abramo di uccidere suo figlio come atto di sottomissione, ma poi salvò il bambino e al posto suo fu sacrificato un montone. Il giorno della “Grande fête” di Aid-el Kebir  ogni famiglia deve sacrificare un montone: un gesto antico ma costoso, che costringe molte famiglie povere del Marocco a indebitarsi pur di partecipare a questo rito. Durante i festeggiamenti viene servito in tavola il mruziya, un piatto agrodolce a base di carne di montone caramellata e accompagnata con uva passa e mandorle. Il gusto inconfondibile di questa ricetta è merito di una miscela pregiata di spezie, il “ras el-hanout”, che può comprendere fino a 50 diversi tipi di aromi, tra cui tre delle spezie più tipiche della tradizione marocchina: cumino, carvi e nigella..

Medicina

La seconda giovinezza dei muscoli

La seconda giovinezza dei muscoli

30 Ottobre 2020

Scoperta una molecola in grado di attivare la rigenerazione delle...

Paleontologia

A Notarchirico in Basilicata rinvenuti i più antichi manufatti litici Acheuleani europei: la scoperta sposta l’origine della tecnica a 700mila anni fa

A Notarchirico in Basilicata rinvenuti i più antichi manufatti litici Acheuleani europei: la scoperta sposta l’origine della tecnica a 700mila anni fa

15 Settembre 2020

Un team internazionale di ricercatori, fra cui alcuni studiosi dei dipartimenti di Scienze della...

Geografia e Storia

Come le acque sotterranee dell’Appennino segnalano terremoti che si verificano dall’altra parte del mondo

Come le acque sotterranee dell’Appennino segnalano terremoti che si verificano dall’altra parte del mondo

21 Ottobre 2020

Un nuovo studio, frutto della collaborazione tra Sapienza, Ingv e Cnr, ha rilevato alcune...

Astronomia e Spazio

IL CUORE UMANO NELLO SPAZIO: COSA POSSIAMO IMPARARE DAI MODELLI MATEMATICI

IL CUORE UMANO NELLO SPAZIO: COSA POSSIAMO IMPARARE DAI MODELLI MATEMATICI

02 Ottobre 2020

Il volo spaziale umano affascina l'uomo da secoli, rappresentandone l’intrinseca necessità...

Scienze Naturali e Ambiente

Le tartarughe sono animali sociali: la scoperta utile per la loro sopravvivenza

Le tartarughe sono animali sociali: la scoperta utile per la loro sopravvivenza

28 Ottobre 2020

Anche le tartarughe sono in grado di formare gerarchie sociali ed...

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery