Scienzaonline - Ultimi Articoli

Quattro nuovi nidi di tartaruga marina in Calabria e Sicilia

Quattro nuovi nidi di tartaruga marina in Calabria e Sicilia

08 Luglio 2020

Intanto da Policoro avvistata la tartaruga Alessandra, liberata il 18...

Muscoli giovani e sani: dall’Europa più di 3 milioni per scoprire i segreti della rigenerazione muscolare

Muscoli giovani e sani: dall’Europa più di 3 milioni per scoprire i segreti della rigenerazione muscolare

08 Luglio 2020

Ricreare le complesse interazioni molecolari e cellulari che avvengono durante...

Rapporto di Greenpeace: plastica liquida nei detergenti per il bucato e le superfici, una nuova minaccia per il mare

Rapporto di Greenpeace: plastica liquida nei detergenti per il bucato e le superfici, una nuova minaccia per il mare

08 Luglio 2020

Le aziende utilizzano plastica liquida, semisolida o solubile tra gli...

Velivoli senza pilota più sicuri grazie al progetto SAMAS - SHM del Politecnico di Milano

Velivoli senza pilota più sicuri grazie al progetto SAMAS - SHM del Politecnico di Milano

08 Luglio 2020

L’utilizzo di velivoli senza pilota è una delle principali sfide...

Al via il progetto "Diamo una casa alle api"

Al via il progetto "Diamo una casa alle api"

08 Luglio 2020

WWF e Intesa Sanpaolo hanno avviato una sinergia per aiutare...

Da luglio in Europa si consumerà solo pesce di importazione

Da luglio in Europa si consumerà solo pesce di importazione

08 Luglio 2020

C’è un momento dell’anno che segna il limite oltre il...

UNITE PER LA TESTA: SEPARATE DUE GEMELLE SIAMESI AL BAMBINO GESU’

UNITE PER LA TESTA: SEPARATE DUE GEMELLE SIAMESI AL BAMBINO GESU’

08 Luglio 2020

Intervento straordinario preparato in oltre un anno di studio e...

Mercoledì, 27 Maggio 2020

 



One of the most effective measures for containing the transmission of a virus is to identify who an infected person has been in contact and/or crossed paths with, mainly during incubation periods. Aiming to reduce the likelihood of a re-emergence of the pandemic when normal routines resume, Carmetry, a company at the UMH Scientific Park, has developed a new technological tool that makes it possible to prevent and reduce the number of coronavirus cases following the confinement period.

Given the situation deriving from COVID-19, this firm has decided to contribute its resources to help end the epidemiological crisis as soon as possible, and it has offered its assistance to the Generalitat Valenciana, fulfilling its call to the innovation system via GVAInnova.

Curbing infection with big data

The technology proposed by Carmetry is based on artificial intelligence and geolocation, and it consists of the use of a model of three-dimensional variables to analyse, within a spatial and temporal range, the GPS trajectory of an individual who is COVID-19 positive. This algorithm Will make it possible, via a mobile device, to determin which people an infected individual came in contact with during the virus incubation period. At each point of the trajectory of the coronavirus-infected individual, the algorithm considers, in addition to the proximity between both individuals, the length of time of exposure to the virus to estimate the viral load of the infection within a radius, beginning with the initial trajectory and throughout the remaining GPS trajectories.

“The important thing is to crosscheck anonymous data from hundreds of thousands of people, then apply an intelligent algorithm that manages to help the country,” said Arturo Gil and David Úbeda, the founders of Carmetry. As such, this UMH Scientific Park start-up makes the intelligence of its clusters available to the public in order to warn people who have been in contact with infected individuals early on, regardless of whether they know each other or not, and also if their paths simply crossed while buying bread. The technology that makes it posible to track the contagion will be used during the specific period of the pandemic, and then erased, thus maintaining a commitment to data treatment confidentiality. Furthermore, Carmetry’s algorithm has dissociated all personal and medical data, for whose storage hosting such data is not even necessary.

Carmetry is a company specialising in big data and artificial intelligence applied to the automobile and transport sectors. This start-up, led by Arturo Gil and David Úbeda, from the area of Automation and Systems Engineering at the UMH, provides mobility solutions focused on optimising real-time control and management for company vehicles and their drivers.

http://ruvid.org/ri-world/new-algorithm-developed-that-helps-curb-covid-19-infection/

Pubblicato in Scienceonline

 

"Esprimiamo soddisfazione per le previsioni nel Decreto Rilancio delle nuove misure per l'EcoSismaBonus e, in particolare, per l'inserimento della geotermia tra le energie verdi finanziabili. Quella delle energie rinnovabili è una delle sfide importanti che il Paese sta affrontando e lo sarà ancora di più nel futuro e nella transizione dalle energie fossili a quelle verdi, tra le quali proprio la geotermia giocherà un ruolo chiave".

È il commento del Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi, Francesco Peduto, dopo la videoconferenza su "Edilizia, efficienza energetica, autoproduzione e autoconsumo collettivo" che si è svolta sulla piattaforma Webex insieme ai senatori Gianni Pietro Girotto, Presidente 10° Commissione permanente Industria, Commercio e Turismo e Mauro Coltorti, Presidente 8° Commissione permanente Lavori Pubblici e Infrastrutture ed altri parlamentari. "La geotermia è il futuro delle energie rinnovabili perché offre enormi potenzialità ancora non sfruttate – spiega Peduto - a differenza dell'eolico e del fotovoltaico, che ormai sono prossimi alla saturazione. Inoltre, nonostante siamo indietro nello sfruttamento dell'energia geotermica rispetto ad altri Paesi europei, già oggi il contributo al miglioramento dell'ambiente è significativo: basti pensare che grazie all'energia geotermica per la bassa entalpia, utilizzata nel nostro Paese, le emissioni di CO2 evitate ammontano a oltre 4 milioni tonnellate l'anno".

Pubblicato in Geologia



What is the origin of the asteroids Bennu and Ryugu, and of their spinning-top shape? An international research team led by Patrick Michel, a CNRS researcher at the Laboratoire Lagrange (CNRS/Observatoire de la Côte d'Azur/Université Côte d'Azur) and Ronald-Louis Ballouz from the University of Arizona, proposes an answer to this question in an article published in Nature Communications on May 27, 2020. Numerical simulations of large asteroid disruptions, such as those that take place in the asteroid belt between Mars and Jupiter, show that during such events, fragments are ejected and then reaccumulate forming aggregates, some of which have a spinning-top shape.

Pubblicato in Scienceonline


A new COVID -19 test kit, which can detect the presence of the virus in six different individuals simultaneously in under 30 minutes, is one step closer to coming to market following a partnership deal with leading electronic, robotics and software companies.

Brunel University London, together with Lancaster University and the University of Surrey have joined forces with GB Electronics (UK) Ltd, Inovo Robotics and Unique Secure to develop an inexpensive, rapid, diagnostic test kit that can inform people if they have COVID-19 in under 30 minutes and make it widely available.

The new partnership deal will bring together industry and academic experts in the fields of electronic and software engineering, diagnostics, virology, robotics and artificial intelligence to fast track the development of a new COVID-19 testing kit.

Pubblicato in Scienceonline



One in three women in Europe inherited the receptor for progesterone from Neandertals – a gene variant associated with increased fertility, fewer bleedings during early pregnancy and fewer miscarriages. This is according to a study published in Molecular Biology and Evolution by researchers at the Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology in Germany and Karolinska Institutet in Sweden.

“The progesterone receptor is an example of how favourable genetic variants that were introduced into modern humans by mixing with Neandertals can have effects in people living today,” says Hugo Zeberg, researcher at the Department of Neuroscience at Karolinska Institutet and the Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology, who performed the study with colleagues Janet Kelso and Svante Pääbo.

Progesterone is a hormone, which plays an important role in the menstrual cycle and in pregnancy. Analyses of biobank data from more than 450,000 participants – among them 244,000 women – show that almost one in three women in Europe have inherited the progesterone receptor from Neandertals. 29 percent carry one copy of the Neandertal receptor and three percent have two copies.

Pubblicato in Scienceonline

Si chiama "Tutti pazzi per il Mediterraneo! – MeD for Med" il progetto lanciato da Bicocca Università del Crowdfunding, un sistema di monitoraggio della biodiversità marina ad impatto zero sull'ambiente. La raccolta fondi parte oggi su Produzioni dal Basso.

Utilizzare i traghetti di linea come piattaforme per recuperare campioni di acqua marina. Successivamente, filtrare i campioni in laboratorio per prelevare il DNA ambientale (eDNA, environmental DNA), le tracce di DNA lasciate dagli organismi nell'ambiente circostante. Il tutto per realizzare un sistema di monitoraggio innovativo e ad impatto zero della biodiversità marina del Mediterraneo.

È l'obiettivo di "Tutti pazzi per il Mediterraneo! – MeD for Med", progetto selezionato nell'ambito della seconda edizione dell'Università del Crowdfunding, il programma di finanza alternativa dell'Università di Milano-Bicocca, promosso per consentire a studenti, ex studenti, docenti, ricercatori e dipendenti dell'Ateneo di realizzare progetti innovativi ed idee imprenditoriali attraverso campagne di raccolta fondi su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation.

Pubblicato in Ambiente

 


Che i raggi solari siano essenziali per la sintesi della vitamina D è ormai risaputo, ma non è lo stesso per i danni alla salute da essi provocati, in particolare quelli dovuti agli UVB. In molti, infatti, credono che una buona crema solare e un paio di occhiali siano sufficienti a proteggere pelle e occhi dai danni causati dai raggi ultravioletti (tumori inclusi), ma nessuna crema solare, neanche quelle a protezione 50+, ci protegge al 100% e permane totalmente dopo il bagno. Inoltre, i raggi UVB passano attraverso le nuvole, il tessuto degli ombrelloni e arrivano sulla pelle anche per riflessione. Ecco perché dobbiamo correre ai ripari abolendo le cattive abitudini e seguendo una corretta alimentazione, ricca di vitamine, minerali e nutrienti protettivi delle nostre cellule come i grassi polinsaturi.

Gli esperti dell’Osservatorio Grana Padano hanno indagato sull’alimentazione di 6250 adulti, 56% donne e 44% uomini, verificando che il loro apporto di nutrienti protettivi quotidiani per combattere i possibili danni del sole è insufficiente. Perciò, hanno stilato 5 consigli dietetici per affrontare al meglio un’estate al sole.

Pubblicato in Medicina


Secondo i dati Istat, gli uomini italiani hanno un’aspettativa di vita media di 80,8 anni e le donne di 85,2 anni. La diminuzione del tasso di natalità e il contemporaneo aumento della capacità di sopravvivenza hanno determinato l'invecchiamento della popolazione. Tra i modulatori dell’invecchiamento precoce grande importanza rivestono sicuramente la nutrizione e lo stile di vita, ai quali si correlano la prevenzione, l’instaurarsi o l’aggravarsi di diverse patologie, soprattutto nel soggetto anziano.

Avere una maggiore speranza di vita significa anche aumentare le possibilità di contrarre malattie invalidanti che fanno invecchiare precocemente, mentre la speranza di tutti è di poter vivere bene, quindi con la maggiore salute possibile anche in età avanzata. Per aumentare la possibilità di benessere in età anziana la prevenzione ha un ruolo molto importante, ruolo che probabilmente ha influito sulla maggiore attesa di vita delle donne italiane.
Per questo motivo l’Osservatorio Grana Padano (OGP) ha analizzato le abitudini alimentari degli over 40 e valutato le differenze nutrizionali e di stile di vita tra i due sessi, differenze che possono, in qualche modo, predisporre a un miglior invecchiamento.

Pubblicato in Medicina
Mercoledì, 27 Maggio 2020 07:47

Un nuovo biomarcatore per il Morbo di Parkinson


Uno studio coordinato dell'Università Statale di Milano identifica attraverso la biopsia cutanea aggregati proteici come nuovi biomarker per la malattia di Parkinson e supporta l'ipotesi che la patologia insorga alla periferia del sistema nervoso.


La rivista Brain pubblica uno studio nato dalla stretta collaborazione del gruppo di ricerca del dipartimento di Bioscienze dell’Università di Milano, guidato da Graziella Cappelletti, docente di Anatomia umana, con Centro Parkinson dell’Ospedale Gaetano Pini-CTO e Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson di Milano. In questo studio i ricercatori rivelano la presenza di aggregati proteici nelle terminazioni nervose periferiche nella pelle di pazienti affetti dalla malattia di Parkinson e li propone come nuovi biomarker della patologia.

Pubblicato in Medicina

Pescatore nel lago di Gede Pangrango in Indonesia.

 

La conservazione e l'uso sostenibile possono lavorare in sinergia per tutelare piante, animali e mezzi di sussistenza. Secondo l'ultima edizione del rapporto sullo Stato delle Foreste nel Mondo, pubblicata oggi, è necessario intervenire con urgenza per tutelare la biodiversità delle foreste del mondo, visti gli allarmanti tassi di deforestazione e degrado.

Pubblicato in occasione della Giornata Mondiale della Biodiversità (22 maggio), il rapporto dimostra che la conservazione della biodiversità dipende totalmente dal modo in cui interagiamo e utilizziamo le foreste del pianeta.

Il rapporto è stato prodotto dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura (FAO), per la prima volta in collaborazione con il Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente (UNEP) e con il contributo tecnico del Centro di Monitoraggio per la Conservazione, che fa capo al Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente (UNEP-WCMC).

Il rapporto rivela che dal 1990 circa 420 milioni di ettari di foresta sono andati perduti a causa della conversione del suolo ad altri usi, anche se negli ultimi trent'anni il tasso di deforestazione si è ridotto.La crisi del COVID-19 ha fatto luce sull'importanza della conservazione e dell'uso sostenibile della natura, riconoscendo che il benessere delle persone è collegato alla salute dell'ecosistema.

Pubblicato in Ambiente
Pagina 1 di 2

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery