Scienzaonline - Ultimi Articoli

Quattro nuovi nidi di tartaruga marina in Calabria e Sicilia

Quattro nuovi nidi di tartaruga marina in Calabria e Sicilia

08 Luglio 2020

Intanto da Policoro avvistata la tartaruga Alessandra, liberata il 18...

Muscoli giovani e sani: dall’Europa più di 3 milioni per scoprire i segreti della rigenerazione muscolare

Muscoli giovani e sani: dall’Europa più di 3 milioni per scoprire i segreti della rigenerazione muscolare

08 Luglio 2020

Ricreare le complesse interazioni molecolari e cellulari che avvengono durante...

Rapporto di Greenpeace: plastica liquida nei detergenti per il bucato e le superfici, una nuova minaccia per il mare

Rapporto di Greenpeace: plastica liquida nei detergenti per il bucato e le superfici, una nuova minaccia per il mare

08 Luglio 2020

Le aziende utilizzano plastica liquida, semisolida o solubile tra gli...

Velivoli senza pilota più sicuri grazie al progetto SAMAS - SHM del Politecnico di Milano

Velivoli senza pilota più sicuri grazie al progetto SAMAS - SHM del Politecnico di Milano

08 Luglio 2020

L’utilizzo di velivoli senza pilota è una delle principali sfide...

Al via il progetto "Diamo una casa alle api"

Al via il progetto "Diamo una casa alle api"

08 Luglio 2020

WWF e Intesa Sanpaolo hanno avviato una sinergia per aiutare...

Da luglio in Europa si consumerà solo pesce di importazione

Da luglio in Europa si consumerà solo pesce di importazione

08 Luglio 2020

C’è un momento dell’anno che segna il limite oltre il...

UNITE PER LA TESTA: SEPARATE DUE GEMELLE SIAMESI AL BAMBINO GESU’

UNITE PER LA TESTA: SEPARATE DUE GEMELLE SIAMESI AL BAMBINO GESU’

08 Luglio 2020

Intervento straordinario preparato in oltre un anno di studio e...

Venerdì, 15 Maggio 2020

 

 Foto 6 Ragazza in piedi 

 

A mio padre, Luigi Gallo, che nel 1938 costruiva in Etiopia le strade dell’Impero.

 

Premessa: L’Espansione italiana nell’Africa Orientale ebbe inizio alla fine del 1800 con il primo dispiegamento di truppe presso i territori di Massaua (1885) per poi arrivare alla proclamazione della colonia “Eritrea” nel 1890, alla proclamazione della colonia “Somalia” nel 1908 ed infine alla proclamazione dell’Impero italiano, nel 1936, dove Somalia, Eritrea ed Etiopia costituivano l’Africa Orientale Italiana (AOI).Formalmente si fa concludere il colonialismo italiano in AOI con l’occupazione britannica, nel 1941, dei territori dell’Africa Orientale Italiana, seppur poi, dal 1948 al 1960, l’Italia fu incaricata dall’ONU dell’amministrazione fiduciaria della Somalia (AFIS) (BEN GHIAT & FULLER, 2005).

Dopo 50 anni di colonialismo “...L’eredità italiana in Somalia era costituita soprattutto da: una scuola primaria, una scuola secondaria, fino al liceo scientifico, una scuola per ragionieri e geometri, aperte indiscriminatamente a tutti, somali ed italiani, fino al giorno dell’indipendenza”(VILLANI,1972): con docenti e programmi del tutto comparabili a quelli del nostro Paese. Naturalmente si usava la lingua italiana per scolaresche, che si esprimevano abitualmente in somalo. Il primo abbecedario con l’alfabeto somalo venne “tirato al ciclostile” nell’agosto‘972 nella stamperia dell’Università Nazionale Somala) (foto n.1: la 1° pagina). Il 21/10 in occasione del “terzo anniversario della rivoluzione della Somalia” un elicottero buttava giù dal cielo i fogli dell’alfabeto su una folla che si accalcava e si rincorreva per prenderli. Così moriva una lingua orale, conservata da sempre nella mente degli anziani: come l’unica biblioteca che i somali possedessero; il solo strumento conoscitivo della loro storia, che veniva raccontata dai cantastorie come “vanto della tribù” nelle cerimonie e insegnata ai bambini con la propria genealogia, fin dai primi anni, dai patriarchi.

Pubblicato in Etica

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery