Scienzaonline - Ultimi Articoli

La dieta senza carne eco-sostenibile

La dieta senza carne eco-sostenibile

09 Marzo 2020

Gli esperti nutrizionisti del portale Educazione Nutrizionale Grana Padano hanno...

CORONAVIRUS, IL MONDO DELLA CULTURA SI MOBILITA, AL VIA CAMPAGNA #IORESTOACASA

CORONAVIRUS, IL MONDO DELLA CULTURA SI MOBILITA, AL VIA CAMPAGNA #IORESTOACASA

08 Marzo 2020

Artisti e musei insieme sui social per contrastare diffusione del...

Diabete dell’adulto: a rischio retina e reni

Diabete dell’adulto: a rischio retina e reni

06 Marzo 2020

I risultati di uno studio clinico condotto su oltre 5000...

Distrofia, nella struttura tridimensionale del DNA segni dell'invecchiamento muscolare precoce

Distrofia, nella struttura tridimensionale del DNA segni dell'invecchiamento muscolare precoce

24 Febbraio 2020

Il gruppo di ricerca Pubblicato su The Journal of Clinical...

Dai mozziconi di sigaretta il substrato inerte per la crescita di piante ornamentali

Dai mozziconi di sigaretta il substrato inerte per la crescita di piante ornamentali

24 Febbraio 2020

Al via un progetto di ricerca dell'Università di Pisa in...

Gli abitanti del Sahara, antico popolo di pescatori

Gli abitanti del Sahara, antico popolo di pescatori

24 Febbraio 2020

Una ricerca rivela la predominanza del pesce nella dieta degli...

Cambiamenti ambientali e rischio pandemie: la risposta è nello sviluppo sostenibile

Cambiamenti ambientali e rischio pandemie: la risposta è nello sviluppo sostenibile

23 Febbraio 2020

Un nuovo contributo pubblicato sulla rivista PNAS, con il coordinamento...

Venerdì, 07 Febbraio 2020

 

Uno studio condotto dall’Osservatorio Grana Padano e dall’Associazione Brain and Malnutrition Onlus (B&M) ha correlato la Vitamina D (25-OH) plasmatica non solo con ciò che mangiamo, ma anche con l’esposizione al sole, che permette all’organismo di sintetizzare questa vitamina. I volontari dell’associazione B&M hanno indagato le abitudini alimentari, i livelli di vitamina D nel sangue e l’esposizione al sole di 450 persone con età maggiore di 60 anni e in possesso degli esami ematochimici inerenti ai livelli di 25OH vitamina D, senza però aver consumato supplementi (integratori) di tale vitamina. Dall’indagine si evince che l’esposizione media al sole è di circa 1,6 ore a settimana e che con gli alimenti il campione intervistato assume circa 2.5 microgrammi al giorno di vitamina D. La concentrazione ematica media di Vitamina D (25-OH) rilevata dallo studio è di 17,8ng/ml (DS± 9,4), insufficiente per garantire il fabbisogno di molte funzioni dell’organismo. Dal campione preso in esame si evince che, a parità di vitamina D assunta dagli alimenti, chi si espone di più al sole ha una concentrazione di vitamina D nel sangue più elevata.

Pubblicato in Medicina


Il riconoscimento alla giovane Flavia Venditti che grazie alle analisi condotte presso il Laboratorio Sapienza LTFAPA, ha accertato il riciclo degli strumenti in pietra già 400.000 anni fa.


Già 400.000 anni fa, gli antichi cacciatori-raccoglitori riciclavano antichi strumenti di pietra ormai inutilizzati per produrre nuove schegge: questo il senso dello studio condotto da Flavia Venditti, che le è valso il Tübingen Prize for Older Prehistory and Quaternary Ecology 2020. La ricerca, intitolata “The recycling phenomenon during the Lower Paleolithic: the case study of Qesem Cave (Israel)” e svolta durante il dottorato di ricerca in Archeologia alla Sapienza, è stata condotta attraverso analisi microscopiche e chimiche presso il “Laboratory of Technological and Functional Analyses of Prehistoric Artefacts”, diretto da Cristina Lemorini del Dipartimento di Scienze dell’Antichità che è stata anche la tutor di tale ricerca di dottorato.


Flavia Venditti ha dimostrato come antichi cacciatori-raccoglitori vissuti 400.000 anni fa nel sito del Paleolitico Inferiore di Qeserm Cave (Israele) riciclassero antichi strumenti di pietra inutilizzati per produrre nuove schegge piccole e taglienti. Attraverso le analisi di laboratorio, è stato possibile diagnosticare tracce riconducibili alla lavorazione delle carcasse animali attraverso attività di macellazione, ma anche di lavorazione di osso, pelli e persino di piante e tuberi. Le particolari condizioni di preservazione degli oggetti analizzati hanno reso possibile identificare micro-residui di osso, tessuti animali e grasso relativi al loro utilizzo. Nei suoi esperimenti, Flavia Venditti dimostra come questi piccoli strumenti fossero particolarmente adatti a compiere specifiche attività di taglio con un alto grado di accuratezza. Inoltre, attraverso la distribuzione degli oggetti nel sito, la ricercatrice ha messo in luce una chiara divisione spaziale delle attività nelle diverse aree della grotta.
Attraverso il suo lavoro la ricercatrice è stata in grado di evidenziare come i nostri antenati del Paleolitico si impegnassero in azioni mirate di riutilizzo delle risorse disponibili, aprendo la strada a ricerche future sull’argomento.

Pubblicato in Paleontologia

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery