Scienzaonline - Ultimi Articoli

La dieta senza carne eco-sostenibile

La dieta senza carne eco-sostenibile

09 Marzo 2020

Gli esperti nutrizionisti del portale Educazione Nutrizionale Grana Padano hanno...

CORONAVIRUS, IL MONDO DELLA CULTURA SI MOBILITA, AL VIA CAMPAGNA #IORESTOACASA

CORONAVIRUS, IL MONDO DELLA CULTURA SI MOBILITA, AL VIA CAMPAGNA #IORESTOACASA

08 Marzo 2020

Artisti e musei insieme sui social per contrastare diffusione del...

Diabete dell’adulto: a rischio retina e reni

Diabete dell’adulto: a rischio retina e reni

06 Marzo 2020

I risultati di uno studio clinico condotto su oltre 5000...

Distrofia, nella struttura tridimensionale del DNA segni dell'invecchiamento muscolare precoce

Distrofia, nella struttura tridimensionale del DNA segni dell'invecchiamento muscolare precoce

24 Febbraio 2020

Il gruppo di ricerca Pubblicato su The Journal of Clinical...

Dai mozziconi di sigaretta il substrato inerte per la crescita di piante ornamentali

Dai mozziconi di sigaretta il substrato inerte per la crescita di piante ornamentali

24 Febbraio 2020

Al via un progetto di ricerca dell'Università di Pisa in...

Gli abitanti del Sahara, antico popolo di pescatori

Gli abitanti del Sahara, antico popolo di pescatori

24 Febbraio 2020

Una ricerca rivela la predominanza del pesce nella dieta degli...

Cambiamenti ambientali e rischio pandemie: la risposta è nello sviluppo sostenibile

Cambiamenti ambientali e rischio pandemie: la risposta è nello sviluppo sostenibile

23 Febbraio 2020

Un nuovo contributo pubblicato sulla rivista PNAS, con il coordinamento...

Mercoledì, 12 Febbraio 2020

Immagini: Foto 1: Nel DNA, qui rappresentato dalla sequenza delle quattro basi azotate A, T, G e C, è stata individuata una sequenza chiave (in rosso) che se mutata porta alla moltiplicazione dei petali in petunia, rosa, e garofano. Immagine: Stefano Gattolin.

 

Uno studio dell’Università Statale di Milano, dell"Istituto di biologia e biotecnologia agraria del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ibba) e del Parco tecnologico padano di Lodi (PTP Science Park), pubblicato su Journal of Experimental Botany, individua in analoghe mutazioni di geni regolatori la causa della moltiplicazione dei petali in alcune popolari varietà di fiori A San Valentino i fiori tornano ad essere protagonisti, con generosissime esplosioni di colori. Siamo ormai abituati ai molti petali di rose, garofani e alcune petunie, ma una ricerca appena pubblicata sul Journal of Experimental Botany, ha rivelato che la loro “petalosità” è dovuta a mutazioni genetiche naturali molto simili tra loro.

Pubblicato in Genetica

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery