Scienzaonline - Ultimi Articoli

Registrata per la prima volta la “voce” del talamo dall’esterno del capo

Registrata per la prima volta la “voce” del talamo dall’esterno del capo

22 Settembre 2021

Una ricerca congiunta Milano-Bicocca e San Raffaele, ha registrato la...

Quegli scontri e fusioni all'alba dell'universo che hanno aiutato le galassie a crescere

Quegli scontri e fusioni all'alba dell'universo che hanno aiutato le galassie a crescere

22 Settembre 2021

Un team internazionale di astronomi, coordinato da Michael Romano, dottorando...

Inquinamento da metalli pesanti: se il piombo è nell’aria e negli smartphone, finirà anche nelle nostre ossa?

Inquinamento da metalli pesanti: se il piombo è nell’aria e negli smartphone, finirà anche nelle nostre ossa?

22 Settembre 2021

L’analisi dei resti umani di 132 individui vissuti in diverse...

L’interruttore ottico più sottile mai realizzato

L’interruttore ottico più sottile mai realizzato

20 Settembre 2021

Politecnico di Milano partner dello studio pubblicato su Nature Photonics.I...

IL DELTA DEL MEKONG SPROFONDA

IL DELTA DEL MEKONG SPROFONDA

20 Settembre 2021

Pubblicata sulla rivista scientifica statunitense «PNAS» la ricerca Strategic basin...

UniTo sfata i pregiudizi sui microrganismi: perchè virus, batteri, lieviti, funghi e microalghe sono il futuro del nostro pianeta

UniTo sfata i pregiudizi sui microrganismi: perchè virus, batteri, lieviti, funghi e microalghe sono il futuro del nostro pianeta

17 Settembre 2021

In occasione della Giornata Internazionale dei Microrganismi, l’Università di Torino...

21 mesi di pandemia: come è cambiato il virus?

21 mesi di pandemia: come è cambiato il virus?

17 Settembre 2021

Una ricerca dell’IRCCS Eugenio Medea e dell’Università degli Studi di...

Mercoledì, 08 Gennaio 2020



Dal 2004 al 2015 ha subito una riduzione di volume del 30% e di area del 22%: nell’arco dei prossimi decenni potrebbe addirittura scomparire del tutto. A delineare questo scenario, attraverso due modelli 3D, ricercatori del Cnr-Ismar e delle Università di Trieste, Genova e Aberystwith (Galles) e di ARPA Veneto. Lo studio è stato pubblicato su Remote Sensing of the Environment

In soli 10 anni il ghiacciaio della Marmolada, montagna iconica delle Dolomiti, ha ridotto il suo volume del 30%, mentre la diminuzione areale è stata del 22%. A rivelarlo, uno studio condotto da un team di ricercatori dell’Istituto di scienze marine del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ismar), delle Università di Genova e Trieste, dell’Università gallese di Aberystwyth e dall’ARPA Veneto, che ha messo a confronto due rilievi geofisici sul ghiacciaio effettuati nel 2004 e nel 2015. Il lavoro “Recent evolution of Marmolada glacier (Dolomites, Italy) by means of ground and airborne GPR surveys” è pubblicato su Remote Sensing of the Environment.

Pubblicato in Ambiente

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery