Scienzaonline - Ultimi Articoli

I cambiamenti climatici degli ultimi 150 anni hanno modificato la biodiversità in Italia

I cambiamenti climatici degli ultimi 150 anni hanno modificato la biodiversità in Italia

20 Luglio 2021

L’Università degli Studi di Milano ha analizzato 150 anni di...

Perù, svelata l’origine di uno dei più grandi giacimenti fossili di cetacei al mondo

Perù, svelata l’origine di uno dei più grandi giacimenti fossili di cetacei al mondo

20 Luglio 2021

La bassa concentrazione di ossigeno al fondo, il rapido seppellimento...

Africa: trovate elevate concentrazioni di metano in un piccolo lago

Africa: trovate elevate concentrazioni di metano in un piccolo lago

14 Luglio 2021

Il bacino, situato nella Rift Valley (Kenya), è stato studiato...

Così la cellula cambia identità: scoperto un meccanismo all'origine di un gruppo di tumori

Così la cellula cambia identità: scoperto un meccanismo all'origine di un gruppo di tumori

14 Luglio 2021

Su Molecular Cell pubblicati i risultati di una ricerca condotta...

Greenpeace: dal Tirreno all’Adriatico, i cambiamenti climatici minacciano anche la biodiversità dei mari

Greenpeace: dal Tirreno all’Adriatico, i cambiamenti climatici minacciano anche la biodiversità dei mari

12 Luglio 2021

Gli effetti dei cambiamenti climatici sulla biodiversità dei mari italiani...

COVID-19 in forme gravi: chi rischia di più? Università di Genova e Ospedale Gaslini partecipano allo studio pubblicato su Nature

COVID-19 in forme gravi: chi rischia di più? Università di Genova e Ospedale Gaslini partecipano allo studio pubblicato su Nature

12 Luglio 2021

I ricercatori del Gaslini e dell’Università di Genova contribuiscono a...

Mercoledì, 08 Agosto 2018

 

 
 

Atrial fibrillation is an irregular and often rapid heart rate that can increase the risk of stroke, heart failure and other heart-related complications. It’s more common in older people, and as it happens, in people who are obese. But new research suggest that exercise can have a moderating effect on the risk of developing this problem.

“The risk of atrial fibrillation was lower the more physically active a person was. This turned out to be especially true for people with obesity,” says Lars Elnan Garnvik, a PhD candidate atNTNU’sCardiac Exercise Research Group.

Garnvik has just published his results in theEuropean Journal of Preventive Cardiology.

Risk doubles for inactive obese individuals

Atrial fibrillation is the most common form of heart fibrillation, and more than 100,000 Norwegians have the disease. Primarily older people are affected, and given the ageing population, twice as many Norwegians as today may well have atrial fibrillation in a few decades.

Obesity is also a well-known risk factor for atrial fibrillation. Garnvik’s study showed that people with a BMI greater than 30 have a significantly higher risk than normal weight individuals. It turns out that the activity level of obese participants plays an important role.

“People who reported that they didn’t exercise at all had about double the risk of developing fibrillations, when compared to those who were physically active whose body weight was normal,” Garnvik said. “However, people who were obese but who exercised a lot limited the increase in risk to no more than approximately 50 per cent. This suggests that physical activity is good for limiting the increased risk of atrial fibrillation in obese people.”

Pubblicato in Scienceonline

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery