Scienzaonline - Ultimi Articoli

I cambiamenti climatici degli ultimi 150 anni hanno modificato la biodiversità in Italia

I cambiamenti climatici degli ultimi 150 anni hanno modificato la biodiversità in Italia

20 Luglio 2021

L’Università degli Studi di Milano ha analizzato 150 anni di...

Perù, svelata l’origine di uno dei più grandi giacimenti fossili di cetacei al mondo

Perù, svelata l’origine di uno dei più grandi giacimenti fossili di cetacei al mondo

20 Luglio 2021

La bassa concentrazione di ossigeno al fondo, il rapido seppellimento...

Africa: trovate elevate concentrazioni di metano in un piccolo lago

Africa: trovate elevate concentrazioni di metano in un piccolo lago

14 Luglio 2021

Il bacino, situato nella Rift Valley (Kenya), è stato studiato...

Così la cellula cambia identità: scoperto un meccanismo all'origine di un gruppo di tumori

Così la cellula cambia identità: scoperto un meccanismo all'origine di un gruppo di tumori

14 Luglio 2021

Su Molecular Cell pubblicati i risultati di una ricerca condotta...

Greenpeace: dal Tirreno all’Adriatico, i cambiamenti climatici minacciano anche la biodiversità dei mari

Greenpeace: dal Tirreno all’Adriatico, i cambiamenti climatici minacciano anche la biodiversità dei mari

12 Luglio 2021

Gli effetti dei cambiamenti climatici sulla biodiversità dei mari italiani...

COVID-19 in forme gravi: chi rischia di più? Università di Genova e Ospedale Gaslini partecipano allo studio pubblicato su Nature

COVID-19 in forme gravi: chi rischia di più? Università di Genova e Ospedale Gaslini partecipano allo studio pubblicato su Nature

12 Luglio 2021

I ricercatori del Gaslini e dell’Università di Genova contribuiscono a...

Lunedì, 06 Agosto 2018

CEU UCH research group

Retinitis pigmentosa is a rare and hereditary neurodegenerative disease which causes vision loss due to the death of photoreceptors in the retina, and for which there is currently no treatment. The research group at the Universidad CEU Cardenal Herrera on Therapeutic Strategies for Ocular Pathologies, headed by professor María Miranda Sanz, had already tested in a previous study the efficiency of progesterone to ameliorate the death of photoreceptor cells in the retina caused by this disease. Now, in a new project published in the scientific journal Frontiers in Pharmacology, they have observed a higher protective effect of progesterone when combined with a strong antioxidant: lipoic acid.

As highlighted by doctor María Miranda, professor at the CEU UCH and main researcher of the group, “in this new study we verified that both progesterone and the lipoic acid are separately able to protect photoreceptors in the retina from cell death, but their simultaneous application provides even better results than individually. These results, obtained in animal models, administering both substances orally, could be the basis for developing future treatments to ameliorate the eyesight deterioration caused by retinitis pigmentosa. There is currently no treatment for a disease which represents half of those that degenerate the retina around the world.”

Pubblicato in Scienceonline

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery