Scienzaonline - Ultimi Articoli

I cambiamenti climatici degli ultimi 150 anni hanno modificato la biodiversità in Italia

I cambiamenti climatici degli ultimi 150 anni hanno modificato la biodiversità in Italia

20 Luglio 2021

L’Università degli Studi di Milano ha analizzato 150 anni di...

Perù, svelata l’origine di uno dei più grandi giacimenti fossili di cetacei al mondo

Perù, svelata l’origine di uno dei più grandi giacimenti fossili di cetacei al mondo

20 Luglio 2021

La bassa concentrazione di ossigeno al fondo, il rapido seppellimento...

Africa: trovate elevate concentrazioni di metano in un piccolo lago

Africa: trovate elevate concentrazioni di metano in un piccolo lago

14 Luglio 2021

Il bacino, situato nella Rift Valley (Kenya), è stato studiato...

Così la cellula cambia identità: scoperto un meccanismo all'origine di un gruppo di tumori

Così la cellula cambia identità: scoperto un meccanismo all'origine di un gruppo di tumori

14 Luglio 2021

Su Molecular Cell pubblicati i risultati di una ricerca condotta...

Greenpeace: dal Tirreno all’Adriatico, i cambiamenti climatici minacciano anche la biodiversità dei mari

Greenpeace: dal Tirreno all’Adriatico, i cambiamenti climatici minacciano anche la biodiversità dei mari

12 Luglio 2021

Gli effetti dei cambiamenti climatici sulla biodiversità dei mari italiani...

COVID-19 in forme gravi: chi rischia di più? Università di Genova e Ospedale Gaslini partecipano allo studio pubblicato su Nature

COVID-19 in forme gravi: chi rischia di più? Università di Genova e Ospedale Gaslini partecipano allo studio pubblicato su Nature

12 Luglio 2021

I ricercatori del Gaslini e dell’Università di Genova contribuiscono a...

Venerdì, 10 Agosto 2018

Researchers from the Marine Megafauna Foundation, University of Southampton, and Sharkwatch Arabia have used a 'biological passport' to monitor the habits of the whale shark, Earth's largest fish

Whale sharks, the world’s largest fish, roam less than previously thought. Local and regional actions are vital for the conservation of this globally endangered species moving forward, according to a new study by researchers from the Marine Megafauna Foundation, University of Southampton, and Sharkwatch Arabia. Their findings are published today in the journal Marine Ecology Progress Series.

Previously, genetic research indicated that whale sharks mixed within distinct populations in the Indo-Pacific and Atlantic Ocean, respectively. This new study used stable isotope analysis, a biochemical technique, to demonstrate that whale sharks feeding at three disparate sites in the Western Indian Ocean (Mozambique and Tanzania) and the Arabian Gulf (Qatar) rarely swim more than a few hundred kilometers north or south from these areas.
 
“Whale sharks are amazing swimmers, often moving over 10000 km each year, and they can dive to around 2000 meters in depth. Biochemical studies tell us more about where they go and what they do when they’re out of our sight”, said Dr Clare Prebble, who led the research as part of her PhD project at the University of Southampton.
 
The researchers used isotopes of nitrogen and carbon that have similar chemical properties, but vary in their atomic mass. Ratios between the heavier and lighter isotopes of these elements vary naturally across different habitats in the marine environment. For example, more of the heavier isotopes are found in near-shore environments than offshore. These ratios stay consistent as they are passed up through the food web, from tiny marine plants to top predators, and therefore provide a record of the animal’s feeding and movement behaviors. Stable isotope analysis thereby provides a ‘biological passport’ for whale sharks.

Pubblicato in Scienceonline

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery