Scienzaonline - Ultimi Articoli

21 mesi di pandemia: come è cambiato il virus?

21 mesi di pandemia: come è cambiato il virus?

17 Settembre 2021

Una ricerca dell’IRCCS Eugenio Medea e dell’Università degli Studi di...

Un integratore per la distrofia miotonica

Un integratore per la distrofia miotonica

17 Settembre 2021

Un team internazionale di ricercatori coordinato da Sapienza, in collaborazione...

Ciclo sonno-veglia: a regolarlo anche le cellule immunitarie

Ciclo sonno-veglia: a regolarlo anche le cellule immunitarie

17 Settembre 2021

Un team internazionale di ricercatori coordinati dal Dipartimento di Fisiologia...

Una possibile chiave per contrastare il declino cognitivo

Una possibile chiave per contrastare il declino cognitivo

17 Settembre 2021

È la molecola infiammatoria CCL11, la cui riduzione accresce i...

Carenza di calcio: rischio di osteoporosi e fratture

Carenza di calcio: rischio di osteoporosi e fratture

16 Settembre 2021

Da una indagine dell’Osservatorio Grana Padano si evince che l’assunzione...

Nuovo rapporto di Greenpeace: «La plastica usa e getta di Coca-Cola, PepsiCo e Nestlé aggrava la crisi climatica»

Nuovo rapporto di Greenpeace: «La plastica usa e getta di Coca-Cola, PepsiCo e Nestlé aggrava la crisi climatica»

15 Settembre 2021

Un nuovo rapporto diffuso oggi da Greenpeace USA rivela che...

Acea Run Rome The Marathon

Acea Run Rome The Marathon

15 Settembre 2021

Oltre trenta i siti storico-culturali toccati dai runner nel corso...

Mercoledì, 21 Marzo 2018

 

Un elettrone (rosso) lungo un nanotubo di carbonio è 'legato' alla buca (blu) che si lascia dietro e forma un eccitone.

Uno studio Cnr rivela che in questi cilindri ottenuti arrotolando il grafene, con raggio di pochi nanometri e lunghi quanto il diametro di un capello, si realizza l’isolante eccitonico, predetto mezzo secolo fa dal premio Nobel Walter Kohn e finora mai confermato in modo convincente. La ricerca, pubblicata su Nature Communications, aiuta a far luce sulla natura isolante o conduttiva dei nanotubi di carbonio

 

Ricercatori dell’Istituto nanoscienze del Consiglio nazionale delle ricerche (Nano-Cnr) hanno mostrato che nei nanotubi di carbonio si realizza spontaneamente un nuovo stato quantistico della materia, detto isolante eccitonico, predetto mezzo secolo fa dal premio Nobel Walter Kohn e finora mai confermato in modo definitivo. Lo studio, condotto in collaborazione con Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (Sissa), Istituto officina dei materiali (Iom-Cnr) e Istituto struttura della materia (Ism-Cnr) del Consiglio nazionale delle ricerche, è stato pubblicato su Nature Communications.

I nanotubi di carbonio sono cilindri ottenuti dal grafene, materiale bidimensionale composto da un foglio di carbonio dello spessore di un solo atomo che, una volta arrotolato, forma tubi con raggio di pochi nanometri (un nanometro è pari a un miliardesimo di metro) e lunghi quanto il diametro di un capello. Finora il comportamento di una classe importante di nanotubi, in grado di condurre corrente elettrica, si spiegava supponendo che gli elettroni degli atomi di carbonio si muovessero facilmente e indipendentemente uno dall’altro per tutta la lunghezza, cioè che il materiale si comportasse come un metallo. I ricercatori di Nano-Cnr hanno invece dimostrato che quando un elettrone abbandona un atomo di carbonio non si muove liberamente ma si lega con la buca che lascia dietro di sé, formando una particella composita fatta dall’elettrone e dalla buca, detta eccitone.

Pubblicato in Tecnologia

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery