Scienzaonline - Ultimi Articoli

21 mesi di pandemia: come è cambiato il virus?

21 mesi di pandemia: come è cambiato il virus?

17 Settembre 2021

Una ricerca dell’IRCCS Eugenio Medea e dell’Università degli Studi di...

Un integratore per la distrofia miotonica

Un integratore per la distrofia miotonica

17 Settembre 2021

Un team internazionale di ricercatori coordinato da Sapienza, in collaborazione...

Ciclo sonno-veglia: a regolarlo anche le cellule immunitarie

Ciclo sonno-veglia: a regolarlo anche le cellule immunitarie

17 Settembre 2021

Un team internazionale di ricercatori coordinati dal Dipartimento di Fisiologia...

Una possibile chiave per contrastare il declino cognitivo

Una possibile chiave per contrastare il declino cognitivo

17 Settembre 2021

È la molecola infiammatoria CCL11, la cui riduzione accresce i...

Carenza di calcio: rischio di osteoporosi e fratture

Carenza di calcio: rischio di osteoporosi e fratture

16 Settembre 2021

Da una indagine dell’Osservatorio Grana Padano si evince che l’assunzione...

Nuovo rapporto di Greenpeace: «La plastica usa e getta di Coca-Cola, PepsiCo e Nestlé aggrava la crisi climatica»

Nuovo rapporto di Greenpeace: «La plastica usa e getta di Coca-Cola, PepsiCo e Nestlé aggrava la crisi climatica»

15 Settembre 2021

Un nuovo rapporto diffuso oggi da Greenpeace USA rivela che...

Acea Run Rome The Marathon

Acea Run Rome The Marathon

15 Settembre 2021

Oltre trenta i siti storico-culturali toccati dai runner nel corso...

Lunedì, 19 Marzo 2018

 

Could omega-6 fatty acids protect you against premature death? The answer is yes, according to a new University of Eastern Finland study. While protecting against death, omega-6 fatty acids also keep cardiovascular diseases at bay.

“Linoleic acid is the most common polyunsaturated omega-6 fatty acid. We discovered that the higher the blood linoleic acid level, the smaller the risk of premature death,” says Adjunct Professor Jyrki Virtanen from the University of Eastern Finland, reporting the findings in the American Journal of Clinical Nutrition.

Although omega-6 polyunsaturated fatty acids are known for their beneficial effect on blood cholesterol levels, it has been speculated that they may increase the risk of several chronic diseases by promoting low-grade inflammation, among other things. The reasoning behind this speculation is that in the human body, linoleic acid is converted into arachidonic acid (also an omega-6 fatty acid) which, in turn, is converted into various inflammation-promoting compounds. However, omega-6 fatty acids also increase the production of anti-inflammatory compounds, and this is why it is challenging to determine the associations of dietary factors with the risk of developing disease merely by focusing on their effects on disease risk factors.

Pubblicato in Scienceonline

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery