Scienzaonline - Ultimi Articoli

Le alterazioni dell’attività elettroencefalografica (EEG) durante la veglia e il sonno nella malattia di Alzheimer

Le alterazioni dell’attività elettroencefalografica (EEG) durante la veglia e il sonno nella malattia di Alzheimer

04 Maggio 2021

Uno studio coordinato da ricercatori della Sapienza e dell’IRCCS San...

Nuova luce sull’atrofia muscolare spinale

Nuova luce sull’atrofia muscolare spinale

04 Maggio 2021

Uno studio realizzato dal Cnr-Ibbr in collaborazione con l’Hannover Medical...

Dai mari della Nuova Zelanda una importante scoperta sul rapporto tra materiali argillosi e terremoti

Dai mari della Nuova Zelanda una importante scoperta sul rapporto tra materiali argillosi e terremoti

03 Maggio 2021

Analizzati con un nuovo metodo presso i laboratori INGV i...

WATER TO FOOD: CON UN CLICK È POSSIBILE SCOPRIRE QUANTA ACQUA "CONSUMA" OGNI ALIMENTO

WATER TO FOOD: CON UN CLICK È POSSIBILE SCOPRIRE QUANTA ACQUA "CONSUMA" OGNI ALIMENTO

03 Maggio 2021

Quanta acqua serve per produrre i chicchi di caffè che...

Angioplastica su un cuore fragile non operabile: a Niguarda primo utilizzo in Italia di una “mini-turbina” cardiaca a fibre ottiche

Angioplastica su un cuore fragile non operabile: a Niguarda primo utilizzo in Italia di una “mini-turbina” cardiaca a fibre ottiche

29 Aprile 2021

Grazie al posizionamento nel ventricolo sinistro del sistema di assistenza...

SI – PUÒ - FARE! CON LA LUCE ULTRAVIOLETTA SI ELIMINA IN UN MINUTO IL VIRUS SARS-CoV-2 DAGLI ATTREZZI SPORTIVI

SI – PUÒ - FARE! CON LA LUCE ULTRAVIOLETTA SI ELIMINA IN UN MINUTO IL VIRUS SARS-CoV-2 DAGLI ATTREZZI SPORTIVI

29 Aprile 2021

La ricerca pubblicata sulla rivista «Materials» con il titolo “Inactivating...

Capitale naturale, in Italia vale fino a 58 miliardi l'anno

Capitale naturale, in Italia vale fino a 58 miliardi l'anno

28 Aprile 2021

Approfondimenti nel IV Rapporto sul Capitale Naturale Sapevi che l’ammontare...

Lunedì, 22 Ottobre 2018

 


L’Università di Pisa partner della ricerca pubblicata su Nature Communications e basata sulle analogie fra l’ultimo periodo interglaciale e la situazione attuale


Più arido e con minori precipitazioni, potrà essere così il clima del Mediterraneo nei prossimi cento anni secondo quanto emerge da uno studio internazionale pubblicato su Nature Communications e al quale hanno partecipato come unici italiani Eleonora Regattieri e Giovanni Zanchetta del dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Pisa. La ricerca, che complessivamente ha coinvolto 12 istituzioni fra cui l’University College di Londra come capofila, si basa sull’idea che l’analisi del clima passato, in questo caso l’ultimo periodo interglaciale (129-116 mila anni fa), possa fornire fondamentali indicazioni per capire le tendenze attuali e future.
“Lo studio dell'ultimo periodo interglaciale è particolarmente rilevante perché è stato caratterizzato da un intenso riscaldamento artico, con temperature più alte di alcuni gradi rispetto a quelle attuali e quindi paragonabili agli scenari di riscaldamento previsti per la fine di questo secolo”, spiega Giovanni Zanchetta.

Pubblicato in Ambiente

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery