Scienzaonline - Ultimi Articoli

I ragni granchio, inaspettate sentinelle della biodiversità

I ragni granchio, inaspettate sentinelle della biodiversità

26 Settembre 2022

La sperimentazione condotta al Centro di Ricerche Agro-Ambientali “Enrico Avanzi"...

Scoperta una molecola intestinale che aumenta il rischio di infarto e ictus: lo rivela una ricerca della Sapienza

Scoperta una molecola intestinale che aumenta il rischio di infarto e ictus: lo rivela una ricerca della Sapienza

26 Settembre 2022

Lo studio tutto italiano, pubblicato su Nature Reviews Cardiology, mette...

FUTURISMO - La nascita dell’avanguardia 1910-1915

FUTURISMO - La nascita dell’avanguardia 1910-1915

22 Settembre 2022

01 ottobre 2022 – 26 febbraio 2023Palazzo Zabarella, Padova Così...

Distrofia retinica ereditaria: due fratellini recuperano la vista grazie alla terapia genica

Distrofia retinica ereditaria: due fratellini recuperano la vista grazie alla terapia genica

22 Settembre 2022

Nasce dalla collaborazione tra Policlinico Gemelli e Ospedale Pediatrico Bambino...

L’8 E IL 9 OTTOBRE TORNA URBAN NATURE

L’8 E IL 9 OTTOBRE TORNA URBAN NATURE

21 Settembre 2022

“LA NATURA SI FA CURA”: NELLE PIAZZE ITALIANE REGALATI UNA...

Il morbo di Alzheimer è diverso tra uomini e donne

Il morbo di Alzheimer è diverso tra uomini e donne

21 Settembre 2022

Uno studio delle Università Statale di Milano, Insubria, Milano-Bicocca e...

Homo sapiens: un nuovo studio riconduce l’origine della specie a una popolazione isolata dell’Africa orientale di circa 200.000 anni fa

Homo sapiens: un nuovo studio riconduce l’origine della specie a una popolazione isolata dell’Africa orientale di circa 200.000 anni fa

21 Settembre 2022

Un recente articolo, pubblicato sulla rivista Evolutionary Anthropology, a firma...

Venerdì, 07 Agosto 2015

Un progetto dell’Istituto di scienze neurologiche del Cnr per approfondire le correlazioni cliniche e le evidenze di tipo genetico ed epigenetico nei soggetti che hanno sviluppato gravi neuropsicopatologie comportamentali in seguito a maltrattamenti e abusi subiti nell’infanzia e nell’adolescenza

La violenza sui minori è una delle più gravi emergenze umanitarie del nostro tempo. A confermarlo, i dati dell’ultimo rapporto dell’Organizzazione mondiale della Sanità: in Europa più di 18 milioni di minori subiscono forme di violenza. In Italia, ogni giorno, quattro bambini sono vittime di abusi. Da un’analisi condotta su 16.000 segnalazioni arrivate al Telefono Azzurro dal 2008 al 2013, 8.885 riguardano forme di violenza: il 18,8% abusi psicologici e l’11% violenza fisica (di cui il 63% percosse, il 3,8% violenza sessuale e il 10,5% trascuratezza). Le vittime sono nella maggior parte bambine e adolescenti femmine (53%), percentuale che sale al 68,1% in caso di abusi sessuali. I ricercatori dell’Istituto di scienze neurologiche del Consiglio nazionale delle ricerche (Isn-Cnr) di Catania hanno avviato il progetto pilota ‘Maltrattamenti e abusi sui minori: correlazioni cliniche, genetiche ed epigenetiche’. “Il fenomeno della violenza subita nell’infanzia spesso provoca un modello ciclico di comportamenti violenti che perdurano di generazione in generazione”, spiega Enrico Parano, responsabile scientifico del progetto e ricercatore Isn-Cnr. “

Pubblicato in Rassegna Stampa

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery