Scienceonline - Last News

A 100% French nasal vaccine against COVID-19 yields positive pre-clinical results

A 100% French nasal vaccine against COVID-19 yields positive pre-clinical results

20 Settembre 2021

In contrast to intramuscular vaccines, only nasal vaccines are able...

Media beautifies the image of coronavirus

Media beautifies the image of coronavirus

15 Settembre 2021

According to a study by the Instituto de Radio Televisión...

Scientific evidence to date on COVID-19 vaccine efficacy does not support boosters for general population, expert review concludes

Scientific evidence to date on COVID-19 vaccine efficacy does not support boosters for general population, expert review concludes

15 Settembre 2021

An expert review by an international group of scientists, including...

How plants can respond to threats

How plants can respond to threats

10 Settembre 2021

(A) Silver electrodes placed on the surface of leaf petioles...

Singapore scientists develop AI-powered system to diagnose glaucoma using eye images

Singapore scientists develop AI-powered system to diagnose glaucoma using eye images

10 Settembre 2021

Scientists from Nanyang Technological University, Singapore (NTU Singapore), in collaboration...

Have COVID-19 lockdowns affected passion and intimacy in relationships?

Have COVID-19 lockdowns affected passion and intimacy in relationships?

10 Settembre 2021

In a study of dating and married couples in India...

Research reveals the impact of nicotine-containing e-cigarettes on the body

Research reveals the impact of nicotine-containing e-cigarettes on the body

07 Settembre 2021

Using e-cigarettes containing nicotine causes an immediate increase in the...

Oncotarget: Telomere dysfunction and chromosome instability in cancer cells

Oncotarget: Telomere dysfunction and chromosome instability in cancer cells

06 Settembre 2021

These terpyridine platinum-derived G4 ligands are promising compounds for cancer...

Lunedì, 02 Luglio 2018

Un nuovo studio demografico, condotto dai ricercatori della Sapienza, indica che dopo i 105 anni il rischio di mortalità non aumenta ma rimane costante. I sorprendenti risultati della ricerca, pubblicati sulla rivista Science, favoriscono il progresso degli studi sulle teorie evolutive della senescenza C’è un limite biologico alla longevità umana? Come cambia il rischio di morire con l’avanzare dell’età?
Per rispondere a queste domande, i ricercatori del Dipartimento di Scienze statistiche della Sapienza, in collaborazione con l’ISTAT e le università Roma Tre, Berkeley e Southern Denmark, hanno condotto uno studio sui semi-supercentenari italiani (ovvero coloro che non hanno ancora raggiunto i 110 anni di età, ma superano i 105 ), con l’obiettivo di stimarne con esattezza il rischio di mortalità. I risultati della ricerca, pubblicati sulla rivista Science, hanno sorprendentemente indicato, per coloro che hanno superato i 105 anni, il raggiungimento di un livello costante del rischio di mortalità.

Il team di ricercatori ha stimato per la prima volta la mortalità in età avanzata, con una accuratezza e precisione che finora non era stata possibile. “I dati studiati, accuratamente documentati – spiega Elisabetta Barbi della Sapienza – portano a concludere che la curva di mortalità cresce esponenzialmente fino all’età di 80 anni circa, ma poi decelera fino a raggiungere un plateau, ovvero un andamento costante, dopo i 105 anni”.

Pubblicato in Medicina

Ricerca IIT e Università di Pisa ha individuato indizi sul meccanismo molecolare con cui la serotonina potrebbe influenzare la flessibilità comportamentale, ovvero la capacità di adattare le nostre azioni in base a come cambia l’ambiente che ci circonda

Un team di ricercatori è riuscito a ricostruire le fasi del meccanismo di funzionamento della serotonina, la cosiddetta molecola della felicità, a livello dei circuiti neuronali dei gangli della base, in particolare del circuito talamo-striatale. Questi circuiti sono importanti per il controllo del movimento e della flessibilità comportamentale, ossia la capacità di adattarsi ai cambi di contesto da un punto di vista emotivo e motorio, e non funzionano correttamente nel caso di patologie come il morbo di Parkinson o i disturbi ossessivi-compulsivi. 
La ricerca, pubblicata sulla rivista internazionale Neuron, è stata coordinata da Raffaella Tonini del dipartimento di Neuro Modulation Cortical e Subcortical Circuits dell’IIT- Istituto Italiano di Tecnologia, con la collaborazione del dipartimento di Biologia dell’Università di Pisa e di un partenariato internazionale di enti di ricerca fra cui la Sorbonne Université di Parigi.
“Ricostruire in maniera molto accurata i meccanismi molecolari con cui la serotonina funziona nel cervello – spiega Raffaella Tonini, coordinatrice del team di ricerca - è importante anche per capire cosa avviene in condizioni patologiche in cui la serotonina non viene prodotta o in cui mancano i recettori specifici a cui legarsi”. 

Pubblicato in Medicina

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery