Ultimi Articoli

How much will polar ice sheets add to sea level rise?

How much will polar ice sheets add to sea level rise?

18 Settembre 2020

Over 99% of terrestrial ice is bound up in the...

Covid-19: prevedere il decorso analizzando il sangue

Covid-19: prevedere il decorso analizzando il sangue

18 Settembre 2020

Le molteplici possibilità che il sistema immunitario intervenga a difesa...

Nel 2024 il Politecnico di Milano torna nello spazio con ESA

Nel 2024 il Politecnico di Milano torna nello spazio con ESA

18 Settembre 2020

Protagonista nella prima missione spaziale per difendere la Terra dagli...

Fabiana ramulosa: una pianta contro l’antibiotico-resistenza

Fabiana ramulosa: una pianta contro l’antibiotico-resistenza

18 Settembre 2020

Un team multidisciplinare della Sapienza ha individuato in una molecola...

Keep health workers safe to keep patients safe: WHO

Keep health workers safe to keep patients safe: WHO

17 Settembre 2020

GENEVA – The World Health Organization (WHO) is calling on...

Improving prediction of Parkinson’s Disease

Improving prediction of Parkinson’s Disease

16 Settembre 2020

Including genetic markers in addition to well known risk factors...

Installazione di Mimmo Paladino Back to Nature

Installazione di Mimmo Paladino Back to Nature

16 Settembre 2020

Campidoglio, dal 15 settembre l’arte contemporanea è a Villa Borghese...

Lucca prima città smart in Europa amica degli animali

Lucca prima città smart in Europa amica degli animali

16 Settembre 2020

Al via il progetto europeo In-habit con il Dipartimento di...

Lunedì, 09 Aprile 2018

La scoperta dell’équipe Paleopatologia dell’Università di Pisa pubblicata sulla rivista The Lancet Oncology

Un tumore osseo di mille anni fa, il più antico nel suo genere mai rinvenuto, è stato scoperto dall’équipe della divisione di Paleopatologia dell’Università di Pisa coordinata dalla professoressa Valentina Giuffra. Si tratta di un osteoblastoma che ricercatori hanno diagnosticato nel seno frontale del cranio in uno scheletro datato al X-XII secolo e portato alla luce durante gli scavi archeologici condotti nel 2004 presso il grande cimitero medievale della pieve di Pava (Siena). 
La scoperta, appena pubblicata sulla rivista scientifica internazionale “The Lancet Oncology”, getta nuova luce sull’antichità dei tumori ossei e pone le basi per nuove ricerche nel campo della paleoncologia.
L’individuo, un giovane maschio di 25-35 anni, presentava in corrispondenza dell’osso frontale una rottura post mortale che ha permesso di osservare la presenza di una piccola neoformazione ovalare all’interno del seno frontale destro del cranio. Grazie all’ausilio di moderne tecniche radiologiche ed istologiche, gli studiosi sono riusciti a chiarire che la natura patologica della lesione era proprio un osteoblastoma.
“L’osteoblastoma è un raro tumore benigno dell'osso che rappresenta attualmente circa il 3,5% di tutti i tumori primitivi benigni dell'osso e l'1% di tutte le neoplasie ossee - afferma il professore Gino Fornaciari dell’Università di Pisa e coautore della pubblicazione – di solito colpisce prevalentemente i giovani adulti, prediligendo la colonna vertebrale e le ossa lunghe, la localizzazione nel cranio e nei seni paranasali è invece estremamente inconsueta e pochissimi sono i casi noti nella letteratura clinica moderna”. 
“E’ stato estremamente sorprendente essere riusciti a trovare testimonianza di questa condizione addirittura nei resti scheletri umani. Ad oggi infatti, il caso medievale di Pava risulta essere la prima attestazione paleopatologica di osteoblastoma del seno frontale, confermando l'esistenza di questo raro tumore osseo benigno a quasi 1000 anni fa” conclude la dottoressa Giulia Riccomi, dottoranda dell’Ateneo pisano e primo autore della pubblicazione.

Pubblicato in Paleontologia

Medicina

Covid-19: prevedere il decorso analizzando il sangue

Covid-19: prevedere il decorso analizzando il sangue

18 Settembre 2020

Le molteplici possibilità che il sistema immunitario intervenga a difesa...

Paleontologia

A Notarchirico in Basilicata rinvenuti i più antichi manufatti litici Acheuleani europei: la scoperta sposta l’origine della tecnica a 700mila anni fa

A Notarchirico in Basilicata rinvenuti i più antichi manufatti litici Acheuleani europei: la scoperta sposta l’origine della tecnica a 700mila anni fa

15 Settembre 2020

Un team internazionale di ricercatori, fra cui alcuni studiosi dei dipartimenti di Scienze della...

Geografia e Storia

Alla scoperta della chimica e della mineralogia dell’interno della Terra attraverso lo studio dei diamanti super-profondi

Alla scoperta della chimica e della mineralogia dell’interno della Terra attraverso lo studio dei diamanti super-profondi

01 Settembre 2020

Pubblicato su PNAS lo studio di un team internazionale, a cui ha preso parte...

Astronomia e Spazio

Nel 2024 il Politecnico di Milano torna nello spazio con ESA

Nel 2024 il Politecnico di Milano torna nello spazio con ESA

18 Settembre 2020

Protagonista nella prima missione spaziale per difendere la Terra dagli asteroidi...

Scienze Naturali e Ambiente

Lucca prima città smart in Europa amica degli animali

Lucca prima città smart in Europa amica degli animali

16 Settembre 2020

Al via il progetto europeo In-habit con il Dipartimento di Scienze...

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery