Stampa questa pagina

Saturno all'infrarosso In evidenza

Agnese Cerroni 21 Giu 2017
2227 volte

Il telescopio terrestre ha osservato il pianeta con gli anelli nel medio infrarosso, svelandone una brillantezza inversa: le strutture più luminose alla luce visibile sono messe in ombra dall'anello C e dalla Divisione CassiniOcchi su Saturno nel medio infrarosso. Porta la firma dell’osservatorio terrestre Subaru il “negativo” del pianeta con gli anelli: attraverso una “vista” elettronica ad infrarossi, le misteriose e affascinanti strutture anulari aliene – composte da un numero incalcolabile di particelle di ghiaccio e polvere, disposte a cavallo dell’equatore di Saturno - sono state analizzate sotto una luce diversa.Lo studio, condotto sulla base di un reportage realizzato da Subaru nel 2008, rivela infatti un "canone di brillantezza" inverso per gli anelli: nelle immagini composte nella banda infrarossa, la Divisione Cassini e l’anello C appaiono più caldi e luminosi rispetto alle strutture A e B.

Precedenti osservazioni condotte nello spettro del visibile invece mostravano la situazione opposta: A e B spiccavano sugli altri perché la loro densa concentrazione di particelle rifletteva più intensamente la luce del Sole.
L’occhio aguzzo di Subaru opera studiando l’emissione termica, ne consegue che l’anello C e la Divisione Cassini sono le strutture più brillanti perché più le calde di tutti. Lo sbalzo di temperatura tra un anello e l’altro sarebbe da ricercare nella concentrazione e nella composizione delle particelle che formano i due gruppi: la Divisione e l’anello C, composti da elementi naturalmente più scuri e disposti in maniera più rada, avrebbero la capacità di riscaldarsi maggiormente con la radiazione solare risultando più brillanti all’infrarosso. La “popolazione” di A e B invece appare più chiara solo alla luce visibile in virtù della sua capacità di riflessione.Il team di astronomi che ha esaminato i dati del 2008, ha messo inoltre a confronto quell’osservazione con una precedente, realizzata dallo stesso telescopio. Nel 2005 anche nell’infrarosso la Divisione e l’anello C non splendevano così nettamente, il che porta gli esperti a concludere che l’"impennata" di luminosità (e di calore) è stata provocata dal cambiamento stagionale di inclinazione degli anelli rispetto alla prospettiva terrestre e al Sole, un fenomeno che si registra ogni 15 anni circa.

Ultima modifica il Martedì, 27 Giugno 2017 19:34
Vota questo articolo
(0 Voti)